cinema Loreto - cinema 900

il cinema 900 nel 1955
i
l film in programma è
Siluri umani

Nei primi anni del Novecento al rondò (in seguito piazzale) Loreto si trovava, in posizione dominante, l’omonimo albergo. Nei primi anni dieci il locale ospita un teatro di varietà denominato Giardino Margherita (vedi foto).
A partire dal 1912 l’albergo si trasforma nel cinema teatro Loreto. Il locale è situato al civico 8 di piazzale Loreto, all’angolo nord tra viale Monza e via Padova. L’ingresso è sul piazzale mentre l’edificio della sala si colloca all’imbocco di viale Padova. Si tratta di una sala rionale di terza visione.
Gli spettacoli offerti dalla sala vengono riportati dal “Corriere della Sera” a partire dal 1934.
Tra i film programmati ricordiamo:
nel 1919:
Il re della notte (G. Monaldi, 1919)
nel 1920
Messaggero di morte (t.o. The Black Box, O. Turner, 1915), Dalle catene alla morte (M. Buzzi, 1919), Oltre l’oceano (R. Molinari, 1918), La faccia tagliata (t.o. Das Augenschnittene Gesicht, E. Seitz, 1920)
nel 1921
Gli uomini gialli (E. Testa, 1920), Gli sciacalli (t.o. The Auction Block, L. Trimble, 1917),
L’ultima fatica di Ercole (E. Graziani-Walter, 1918); Una donna impulsiva(t.o. A Woman of Impulse, E. José, 1919)
nel 1922
Fedora (G. Serena, 1916); La vergine folle (Righelli, 1920), I figli di Sansonia (F. Costamagna, 1920), Automobile errante (A. Consalvi, 1921)
nel 1923
La ferita (R. Roberti, 1920)
nel 1924
Ciceruacchio (E. Ghione, 1915), Madame Tallien (G. Guarino, 1916), La nave (M. Roncoroni, 1921 con Ida Rubinstein); Pia de’ Tolomei (G. Zannini, 1921), Il demone del circo (t.o. Damon Zircus, E. Justitz, 1923), Nella terra dell’odio (t.o. Tess of the Storm Country, J. Robertson, 1922)
Napoli che canta (Roberti, 1926) e Sulla via dell’abisso (Niblo, 1924) nel 1927
nel 1928
La torre delle menzogne (t.o. The Tower of Lies, V. Sjostrom, 1925)
nel 1930
Il cavaliere nero (t.o. Rose of the Golden West, G. Fitzmaurice, 1927)
nel 1933
Cercasi modella (E. Emo, 1932)
nel 1934
La croce del sud (C. Badger, 1933), Oceano (t.o. Below the Sea, A. Rogell, 1933), Stella di Valencia (t.o. Stern von Valencia, A. Zeisler, 1933)

Nel 1935 il locale si trasforma nel cineteatro 900. La sala (circa 1000 posti) ospita, fino alla fine degli quaranta, anche spettacoli di rivista. Nella programamzione filmica il cinema tende a proporre due film al giorno. D’estate le proiezioni avvengono all’aperto, quasi certamente nel cortile retrostante la facciata del cinematografo. La scelta dei film privilegia la produzione hollywoodiana, con particolare attenzione ai suoi prodotti meglio confezionati; non mancano, tuttavia, film italiani di buona e perfino di alta qualità.
Tra le pellicole importanti ospitate dalla sala ricordiamo:
nel 1936:
La reginetta del Sigma Chi (E. Marin, 1933), La vedova allegra (Lubitsch, 1934), Il pirata del fiume (F. Kraemer, 1932), Quel diavolo d’uomo (G. Jacoby, 1935)
Tre ragazze in gamba (Koster, 1937) nel 1938, Il prigioniero di Zenda (Cromwell, 1937) e Facce false 8S. Wood, 1935) nel 1939, Uragano (Ford, 1937) nel 1940, La peccatrice (Palermi, 1940) nel 1941, L’uomo invisibile (Whale, 1933) e Rebecca (Hitchcock, 1940) nel 1942, Bengasi (Genina, 1942) nel 1943, I misteri di Parigi (Gandera, 1935) nel 1944, Ossessione (Visconti, 1943) nel 1945, Abbasso la miseria (Righelli, 1945) e Angoscia (Cukor, 1944) nel 1946,
nel 1947
Mio figlio professore (Castellani, 1946), Angoscia (Cukor, 1944) e Sfida infernale (Ford, 1946)
Notorious (Hitchcock, 1946) nel 1948, Il fiume rosso (Hawks, 1948) nel 1949, Corsari della strada (Dassin, 1949) nel 1950, La voce nella tempesta (Wyler, 1939) e I cavalieri del Nord-Ovest (Ford, 1949) nel 1951, La tratta delle bianche (Comencini, 1952), Europa ’51 (Rossellini, 1952), Rancho Notorious (Lang, 1951) e Il grande cielo (Hawks, 1952) nel 1953, La nave delle donne maledette (Matarazzo, 1953)
nel 1954
Gli uomini preferiscono le bionde (Hawks, 1953), Il cavaliere della valle solitaria (Stevens, 1953), Questa è la vita (Fabrizi, Pastina, Zampa, Soldati, 1954)
Pane, amore e gelosia (Comencini, 1954) e Giulietta e Romeo (Castellani, 1954) nel 1955, Quando la città dorme (Lang, 1956), Il conte Max (Bianchi, 1957), Padri e figli (Monicelli, 1957), Totò, Vittorio e la dottoressa (Mastrocinque, 1957) e Il gigante (Stevens, 1956) nel 1958.
Intorno al 1955 l’insegna viene trasformata: al posto della scritta “teatro” si legge ora “900”, con di fianco l’indicazione “cine”. Evidentemente gli spettacoli di rivista sono divenuti marginali. 
Il cinema 900 chiude nell’aprile 1958 e viene demolito.
Negli anni 1959-62, nel sito occupato dal locale, sorge un imponente edificio per uffici i cui locali al piano terreno (corrrispondenti agli spazi un tempo propri del cinema) vengono occupati da un istituto bancario.
Contemporaneamente il cinema Loreto (vedi), inaugurato nel piazzale omonimo proprio nel 1960, all’interno dello stabile Coin, “sostituisce” il cinema 900.

 

L’albergo Loreto nei primi anni del Novecento                          foto

L’albergo Loreto con teatro di varietà intorno al 1910
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                   foto

Il Loreto nel 1919                                                                       foto
In programmazione Il re della notte (G. Monaldi, 1919)
(dal sito Fb Milano policroma, su gentile segnalazione di Willy Salveghi e Gabriele Dell’Oglio)

Cineteatro Loreto intorno al 1925                                              foto

Cineteatro Loreto intorno al 1930
(dal sito Skycrapercity, su gentile segnalazione di Marco Ferrari e Willy Salveghi)
Piazzale Loreto e il cinema                                                              foto 1 foto 2*

Cinema Loreto intorno al 1930 (su gentile segnalazione di Stefano Petrella)
La gente aspetta il tram davanti al cinema                                         foto*

Manifesti del cinema Loreto: (fonte: Cineteca Italiana –  www.lombardiabeniculturali.it)
1920
Dalle catene alla morte - gen                                                        
immagine
Oltre l’oceano - lug                                                                      
immagine
Messaggero di morte - ott                                                             
immagine
La faccia tagliata - dic                                                                
immagine
1921
Gli uomini gialli - gen                                                                    
immagine
L’ultima fatica di Ercole; Gli sciacalli - mag                                
immagine
Una donna impulsiva - set                                                            
immagine
1922
I figli di Sansonia - gen                                                                
immagine
Automobile errante - apr                                                               
immagine
Fedora; La vergine folle - ago                                                       
immagine
1923
La ferita - mag                                                                              
immagine
1924
Pia de’ Tolomei - gen                                                                   
immagine
La nave - apr                                                                                
immagine
Madame Tallien - ago                                                                  
immagine
Ciceruacchio - nov                                                                       
immagine
Il demone del circo - dic                                                               
immagine
1928
La torre delle menzogne- set                                                         
immagine
1930
Il cavaliere nero- mar                                                                   
immagine
1933
Cercasi modella- feb                                                                     
immagine
1934
Oceano- feb                                                                                 
immagine
Stella di Valencia                                                                          
immagine

Cinema 900 nel 1946                                                                  foto

Cinema 900 intorno al 1950 (per gentile concessione di Stefano Petrella)
Piazzale Loreto e, a sinistra, il cinema                                               foto

Cinema 900 intorno alla metà degli anni cinquanta
Piazzale Loreto e, a sinistra, il cinema                                               foto 1 - foto 2
In programmazione c’è il film Cessate il fuoco (Crump, 1954)          
foto
In programmazione c’è il film L’oro di Napoli (De Sica, 1954)        
foto
Altre immagini dello stesso periodo                                     
foto 1 - foto 2- foto 3 - foto 4

Cinema 900 visto da corso Buenos Aires nel 1950                   foto*
Dettaglio della cartolina                                                                   
foto*

Cinema 900 visto da corso Buenos Aires nel 1954                     foto*
Dettaglio della cartolina                                                                   
foto*

Cinema 900 intorno al 1948 (su gentile segnalazione di Marco Ferrari)
E’ in corso una manifestazione politica                                              foto 1foto 2

Cinema 900 intorno al 1955 (su gentile segnalazione di Marco Ferrari)
In programmazione Siluri umani (Leonviola, 1954);
si noti la nuova insegna                                                                  
foto*

Vista aerea di piazzale Loreto intorno al 1950
L’edificio del cinema è visibile a sinistra                                           
foto

Manifesti del Cineteatro 900: (fonte: Cineteca Italiana – www.lombardiabeniculturali.it)
1956
Il pirata del fiume; Quel diavolo d’uomo - ott                              
immagine
La reginetta del Sigma Chi                                                            
immagine

Piazzale Loreto intorno alla metà degli anni sessanta.
Sulla destra il nuovo, imponente edificio che ha preso il posto
del casolare che ospitava il Cine 900.
Sulla sinistra si può vedere il cinema Loreto                                     
foto 1, foto 2

Piazzale Loreto nel 1971                                                               foto
La zona in questione (l’imbocco di viale Monza e di via Padova)
risulta oggi (2014) sostanzialmente immutata dopo i radicali cambiamenti
dei primi anni sessanta.

Mappa di Milano (zona Stazione Centrale)
Posizione del cinema                                                                      
immagine

 

* l’asterisco segnala foto e materiale di particolare interesse

  scheda creata nel giu. 2008; ultimo aggiornamento set. 2014

 

 

Si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito
(spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte