cinema Ariston

il cinema nell’ottobre 1975;
il film in cartellone è Amici miei

                     testo scritto in collaborazione con Marco Ferrari

Il cinema Ariston, situato nella Galleria del Corso n. 1, fa parte del nutrito gruppo di centralissimi cinematografi sotterranei di prima visione che aprono nell’immediato dopoguerra, in seguito alla norma relativa alla costruzione di sale cinematografiche situate al di sotto del livello stradale approvata dalla commissione provinciale della Prefettura di Milano il 15 novembre 1945.
Il locale di prima visione, di dimensioni medie, inizia la propria attività nel 1947: il progetto dell’architetto Alessandro Rimini - al quale si devono anche Colosseo, Impero, Astra, Diana e Massimo - parte dalla ristrutturazione di una vecchia cantina.
Varcato l’ingresso che si affaccia sulla Galleria, si accede a un piccolo atrio, dove si trova la cassa, posta sulla sinistra.  Una volta pagato il biglietto, si scendono due rampe di scale, si svolta a sinistra e si arriva a un ampio foyer, dove si incontra anche un angolo bar; più avanti, sulla sinistra, le spesse tende che preludono l’accesso in sala.
La sala, lunga e stretta, è dotata di sola platea, ha una capienza di 600 posti e si caratterizza per la presenza di barcaccine laterali rialzate, dotate di poltrone suddivise da colonne, che ricordano dei mini-palchi. Lo schermo misura 9 x 4 metri.
Negli anni ’70 la capienza della platea si riduce lievemente: 480 posti, costituiti da poltroncine imbottite e ricoperte di velluto rosso, su seduta e schienale di legno color noce.
L’impianto audio a partire dagli anni ‘80 è Dolby SR
La gestione del cinema Ariston è, fin dall’inizio, della famiglia Tordelli e tale rimarrà fino alla chiusura della sala.
Tra le pellicole qualitativamente più significative poste in programmazione ricordiamo Femmina folle (Stahl, 1945) nel 1949, Macbeth (Welles, 1948) nel 1949, La sposa non può attendere (Franciolini, 1949) nel 1950, Il cammino della speranza (Germi, 1950), Le vacanze del signor Hulot (Tati, 1952) nel 1953, Le amiche (Antonioni, 1955), L’uomo di paglia (Germi, 1958), Zazie nel metrò (Malle, 1960) nel 1961, Salvatore Giuliano (Rosi, 1962), Lo spione (Melville, 1962) nel 1963, Le mani sulla città (Rosi, 1963), Topkapi (Dassin, 1964), America, America (Kazan, 1964), L’uomo del banco de pegni (Lumet, 1966) nel 1967, Il clan degli uomini violenti (Granier-Deferre, 1970), Vita privata di Sherlock Holmes (Wilder, 1970) nel gennaio 1971, Il conformista (B. Bertolucci, 1971), Morte a Venezia (Visconti, 1971), La ragazza del bagno pubblico (J. Skolimovski) nel 1971, Taking Off (Forman, 1971) nel 1972, Alfredo, Alfredo (P. Germi, 1972), Ma che razza di amici (O. Preminger, 1971) nel 1973,  I corpi presentano tracce di violenza carnale (S.Martino), Il lungo addio (Altman, 1973) nel 1974, Amici miei (M. Monicelli, 1975), Un borghese piccolo, piccolo (Monicelli, 1977), L’assoluzione (Grosbard, 1980), Gente comune (Redford, 1980) nel 1981, I vicini di casa (Avildsen, 1981) nel 1982,  Una poltrona per due (Landis, 1984), Blood Simple (Coen, 1985), Aliens (Cameron, 1986), Come sono buoni i bianchi (Ferreri, 1988), Il sole anche di notte (Taviani, 1990), Alice (Allen, 1990), Barton Fink (Coen, 1991), Il toro (C. Mazzacurati, 1994).
Il cinema chiude il 28 gennaio 2001 e il suo spazio viene occupato da un esercizio commerciale.

 

Il cinema Ariston nel 1947
L’insegna e le scale                                                                                 foto 1foto 2
La sala e lo schermo                                                                  
foto 1foto 2foto 3

Il cinema Ariston nel gennaio 1973 (su gentile segnalazione di Davide Bassi)
in programmazione c’è Ma che razza di amici
sulla destra le uscite di sicurezza dell’adiacente cinema Corso                       
foto

Galleria del Corso: il cinema Mignon nel gennaio 1973 (su gentile segnalazione di Davide Bassi)
In programmazione c’è I corpi presentano tracce di violenza carnale
Sono visibili anche le insegne dei cinema Excelsior e Ariston                           
foto

Il cinema Ariston nell’ottobre 1975
in programmazione c’è Amici miei                                                                 foto

Il cinema Ariston nel 1977 (su gentile segnalazione di Marco Ferrari)
in programmazione c’è Donna Flor e i suoi due mariti (B. Barreto, 1976)      foto 1 - foto 2

Il cinema Ariston nel 1981
In cartellone c’è Gente comune (R. Redford, 1980)                                          foto

Il cinema Ariston nel 1982
L’insegna                                                                                                      foto

Il cinema Ariston nel dicembre 1984
In programmazione c’è Un ragazzo di campagna (Castellano, Pipolo, 1984)    foto

Porta d’ingresso del cinema Ariston nell’ottobre 1994 (per gentile concess. di Willy Salveghi)
In programmazione c’è Il toro                                                                       foto

Il cinema Ariston nel settembre 1996 (per gentile concessione di Willy Salveghi)
In programmazione c’è Guiltrip (G. Stembridge, 1995)                                     foto

Il cinema Ariston nel dicembre 2000 (per gentile concessione di Marco Ferrari)
In programmazione c’è A ruota libera (V. Salemme)                                      foto

Piantina illustrativa della struttura del cinema
(ricostruzione a cura di Marco Ferrari – aprile 2010)                                                         immagine

Il cinema Ariston nel gennaio 2008
L’ingresso                                                                                                     foto
Verso corso Vittorio Emanuele                                                                     
foto 1foto 2
Verso piazza Beccaria                                                                                   
foto

Articoli su quotidiani (per gentile concessione di Marco Ferrari)  
Il Giorno - 15 feb 1982 – cassiera reagisce ai banditi                                 immagine
Corriere della Sera – 16 gen. 2001 - annuncio chiusura Ariston (e Corso)  
immagine

Annunci pubblicitari su quotidiani
Femmina folle - 8 apr. 1949                                                                    immagine
La sposa non può attendere – 17 set. 1950                                           
immagine
Il camino della speranza – 23 nov. 1950                                                
immagine
Salvatore Giuliano - 1 mar. 1962                                                           
immagine
Sexy al neon bis (Fecchi) - gen. 1963
(per gentile concess. di Willy Salveghi)       immagine
Lo spione – 30 apr. 1963                                                                       
immagine
In famiglia si spara (Lautner, 1963) – 30 apr 1964                                  
immagine
America, America - 31 ott. 1964                                                            
immagine
Topkapi – 6 nov. 1964                                                                          
immagine
La rivoluzione sessuale (Ghione) – 22 mar. 1969                                    
immagine
Il clan degli uomini violenti – giugno 1970                                            
immagine
Vita privata di Sherlock Holmes – 9 gen. 1971                                      
immagine
Il conformista - 29 gen. 1971                                                                 
immagine
Andromeda (Wise) – 16 ott 1971                                                           
immagine
Il merlo maschio (Festa-Campanile) – 12 nov 1971                                
immagine
Senza movente (Labro) – dic. 1971                                                        
immagine
Tempo d’amore (N. Trintignant) – 18 feb. 1972                                        
immagine
Taking Off – 5 mag. 1972                                                                      
immagine
Alfredo, Alfredo – 26 set. 1972                                                               
immagine
UFO ...annientare s.h.a.d.o. stop uccidete Straker (A. Perry) - 1972
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                           immagine
Ma che razza di amici (Preminger) – gen. 1973                                    
immagine
Amici miei - 25 ott 1975                                                                           
immagine
Caro Michele (Monicelli) – 1 nov 1976                                                 
immagine
L’assassino ti siede accanto (Miner) - 18 set 1981
(per g. concess. di Marco Ferrari) immagine
I vicini di casa– 1 mag 1982
(per gentile concessione di Marco Ferrari)             immagine
Poltergeist (Hooper) – 18 set. 1982
(per g. concess. di Marco Ferrari)               immagine
Una poltrona per due –  mar 1984
(per gentile concessione di Marco Ferrari)    immagine

Biglietti del cinema (1966; per gentile concessione di Anna Maria Fiocchi)            immagine
                                 (1977;
per gentile concessione di Marco Ferrari)                    immagine
                                 (1979;
per gentile concessione di Marco Ferrari)                    immagine
                                
(1980; per gentile concessione di Marco Ferrari)                  immagine
                                 (1982)                                                                  
immagine

Mappa di Milano (centro)
Posizione del cinema                                                                              
immagine