cinema Augusteo

il cinema di viale Vittoria
intorno al 1910

testo scritto in collaborazione con Marco Ferrari e Daniela Gatti

Intorno al 1910, al civico 21 di  viale Vittoria (poi viale Premuda), all’angolo con via Sottocorno,  inizia l’attività il Cinema Teatro Augusteo. Si tratta di una sala popolare che alterna spettacoli cinematografici – il proiettore è della ditta Ernemann - cabaret e incontri di boxe. Di fronte al locale è presente un negozio di orologeria-oreficeria il cui titolare Mauro Rota, affascinato dagli spettacoli, decide di cambiare attività e di rilevare la gestione del locale.
In pochi anni Rota crea un piccolo impero cinematografico, diventando gestore anche di Nazionale, Gloria, Vittoriale (poi Poliziano), Parco, Patria, Moderno, Loreto, Mondial, Palace, Aurora, Novo Cine, Roma (da Rota Mauro), Broletto, Porpora, Durini, Umbria e Farini.
Tra le pellicole più interessanti proiettate all’Augusteo di viale Vittoria/Premuda ricordiamo: 
nel 1920
La sfera della morte (D. Gaido, 1914), La portatrice di pane (E. Vidali, 1916), Mascherata in mare (D. Gaido, 1917), La regina del carbone (G. Righelli, 1919), L’innamorata (G. Righelli, 1920), Uomini gialli (E. Testa, 1920), Il club degl’impiccati (A. Bertone, 1920)
nel 1921
Cabiria (Pastrone, 1914), La sfera della morte (D. Gaido, 1914), Sacrificio sublime (R. Tolentino, 1915); Il mistero della notte del 13 giugno (E. Santos, 1916), Il gioco della fortuna (t.o. The Firefly of the tough Luck, E. Hopper 1917), L’onestà del peccato o La fine di un vile (A. Genina, 1918); La forza della coscienza (L. Borgnetto, 1918), Il gioiello di Khama (A. Palermi, 1918), La signora rebus o La donna infernale (E. Ridolfi, 1918; con Mercedes Brignone), La signora senza pace (B. Negroni, 1919; con Hesperia), Per una lacrima (E. Vidali, 1919), La casa che brucia (M. Corsi, 1919), Tutto il mondo è teatro (P. Gariazzo, 1919), Il protetto della morte (F. Costamagna, 1919), La duchessa di Nala (F. Elvezi, 1920), Il gigante, i serpenti e la formica (M. Roncoroni, 1920), Il figlio della strada (A. Panzuti, 1920), Una donna è scomparsa (G. Zaccaria, 1920)
nel 1922
Rocambole (G. Zaccaria, 1919), La danza del pugnale (regista ignoto, con L. Quaranta, 1919), Il faro rosso (C. Zambonelli, 1921)
nel 1923
Il rettile della metorpolitana (U. Uccellini, 1921), Bellezza fatale (Ravel, 1922 con Francesca Bertini)

Nel 1925 Rota trasferisce la sede dell’Augusteo: il vecchio locale di viale Vittoria chiude e nel 1926 il nuovo cinema Augusteo inizia l’attività al civico n. 52 di via Paolo Sarpi.
Il cinema Augusteo di via Sarpi è una sala di seconda visione di prestigio, che spesso ha in cartellone “prime visioni assolute rionali”: fa parte di quel consistente gruppo di cinema che si collocano tra le sale di prima visione del centro e le sale rionali periferiche
Sempre in via Paolo Sarpi, sullo stesso lato dell’Augusteo, al civico numero 6 è già operante dagli inizi del secolo il cinema Aurora.
L’Augusteo è dotato di platea e galleria, per una capienza complessiva di 1100 posti. L’ingresso, con porte a vetri che si aprono sulla via Sarpi - cuore del vecchio “Burg de’ Scigülatt” - immette su un atrio con la biglietteria sulla destra e alcuni divani lungo le pareti.
Pesanti tende di velluto separano l’atrio dalla platea, mentre una scala conduce all’accesso alla galleria, situata al primo piano dell’edificio. I posti a sedere sono in legno scuro, con seduta di velluto imbottito.
Davanti allo schermo c’è un palco, chiuso da un sipario di velluto rosso scuro; il cinema mantiene nel tempo l’abitudine di organizzare di tanto in tanto anche eventi di tipo teatrale: ancora a metà degli anni settanta, in occasione del Carnevale, la sala viene aperta a tutti i bambini del quartiere, con giochi di prestigio introdotti da un presentatore e un concorso che premia le maschere più originali.
Dall’analisi dei manifesti tipografici degli anni venti e trenta si evince che la sala di viale Vittoria viene sempre definita “teatro Augusteo” sebbene l’attrazione principale sia regolarmente costituita  da una proiezione cinematografica. Il termine teatro suona più importante e meglio radicato nella tradizione. La sala di via Sarpi invece viene definita “cinema teatro Augusteo”, evidente riprova del fatto che il film è divenuto – con la seconda metà del decennio – uno spettacolo maggiormente considerato, sebbene ancora secondario rispetto allo spettacolo teatrale  lirico e di prosa (basta consultare un quotidiano dell’epoca e confrontare lo spazio dedicato ai tre generi culturali  per rendersene conto). Nei manifesti degli anni trenta invece l’intestazione diventa “cinema Augusteo teatro”: il passaggio in coda del sostantivo teatro definisce l’ormai acquisita centralità dello spettacolo filmico, grazie soprattutto alla rivoluzione del sonoro.
Al riguardo bisogna ricordare che la sala passa al sonoro già nel gennaio 1931.
Per quanto concerne la programmazione dei primi due decenni va rilevato che la sala di viale Vittoria programma quasi esclusivamente film italiani mentre l’Augusteo di via Sarpi offre quasi sempre film americani o, comunque, stranieri.
Negli anni quaranta, tra i tanti attori passati sulle tavole dell’Augusateo ricordiamo anche un giovane Gino Bramieri.
Negli anni cinquanta la programmazione della sala - sempre collocata tra le seconde visioni - spesso propone il doppio spettacolo, abbinando la proiezione di un film alla diretta di una partita di calcio o di un programma televisivo di grande richiamo. Ad esempio, il 4 novembre 1953 ci sono in cartellone il film El Gringo (Foster, 1951) seguito dalla partita Inter-Milan; il 30 novembre 1955 L’avventuriero di Hong Kong (Dmytryk, 1955) seguito dalla partita Italia-Ungheria; il 26 aprile 1956 I due capitani (Maté, 1955), seguito alle 21:00 da Lascia o Raddoppia.
Dalla seconda metà degli anni cinquanta alla fine degli anni sessanta la gestione dell’Augusteo è la stessa di Carcano e Impero: trattandosi di tre sale distanti tra loro e ben distribuite nella geografia milanese, spesso hanno in cartellone in contemporanea lo stesso film.
Negli anni settanta e ottanta la programmazione è curata da Ernesto Di Sarro. In questo periodo l'Augusteo proietta con macchine Prevost.
La qualifica della sala rimane sempre di seconda visione. All’inizio degli anni settanta, con l’introduzione della categoria “proseguimenti prime visioni”, l’Augusteo è spesso spostato di categoria: dapprima viene classificato tra le seconde visioni, che ora hanno però una qualifica inferiore al passato; successivamente (dal 1976) passa tra i proseguimenti prime, per poi tornare tra le seconde visioni. La sala ospita anche qualche prima visione di pellicole secondarie: è il caso di Uno di più all’inferno (Fago, 1968) nel novembre 1968.
Nella prima metà degli anni settanta la sala si caratterizza per una speciale attenzione al cinema di qualità, ospitando pellicole di Visconti, Damiani, Petri, Montaldo, Ferreri, Wertmuller, Nichols ecc. Invece la tipologia di film proiettati all’Augusteo nella seconda metà degli anni settanta e nei primi anni ottanta, pur non tralasciando le pellicole di qualità, lo trasforma in un cinema per famiglie e per adolescenti, che infatti affollano la sala nei pomeriggi di sabato e domenica. Pellicole Disney come Biancaneve e i sette nani (Hand, 1937), Bambi (Hand, 1942) o Cenerentola (Jackson, Luske e Geronimi, 1950) vengono ripetutamente messe in cartellone.
A tutela della tranquillità del pubblico familiare, la maschera - un signore di una certa età, ma robusto al punto da scoraggiare qualunque velleità di litigio - passava tra le file della platea, e soprattutto della galleria, armato di torcia per controllare che eventuali effusioni delle coppiette non superassero i limiti del consentito. Il controllo veniva ripetuto più volte durante il film, con grande disappunto dei fidanzatini e per la gioia dei genitori.
Nei giorni feriali vengono anche organizzate rassegne tematiche d’essai: ad esempio, nel settembre 1982, al mercoledì c’è la rassegna “La crisi dell’ideologia nella rappresentazione filmica”.
La gestione, negli anni ’80, è curata da Matilde Patalano (società GEICI).
Negli ultimi anni, la galleria, ormai inagibile e con i gradini consumati, viene chiusa.
Tra le pellicole più interessanti proiettate nel locale ricordiamo:
nel 1926
Demone scintillante (t.o. Pink Gods, P. Stanlaws 1922), La vampa (t.o. Die Flamme, Lubitsch, 1923 con Pola Negri)
nel 1928
Terremoto (t.o. The Shock, L. Hillyer 1923), Bardelys il magnifico (t.o. Bardelys the Magnificent, K. Vidor 1926), I fanti del mare (t.o. Tell It to the Marines, G. Hill 1926), La canzone della mamma (t.o. Mother Machree, J. Ford 1928)
nel 1930
Gerusalemme liberata (E. Guazzoni, 1918), I 4 diavoli (t.o. 4 Devils, F. Murnau, 1928)
nel 1931
I diavoli volanti (t.o. Flight, F. Capre 1929)
nel 1932
I vampiri (t.o. Good Intention, W. Howard, 1930), Addio Madrid (t.o. In Gay Madrid, R. Leonard, 1930), La crociera del delitto (t.o. Charlie Chan Carries On, H. Macfadden, 1931), L’orda conquistatrice (t.o. The Conquering Horde, E. Sloman, 1931), Giovinezza scapigliata (con Douglas Fairbanks jr.)
nel 1933
Alto tradimento (t.o. Hochverrat, J. Mayer 1929), La femmina del circo (t.o. Une belle garce, De Gastyne, 1930), Una notte a Versailles (t.o. Un caprice de la Pompadour, J. Hamman 1930), Passaporto giallo (t.o. The Yellow Ticket, R. Walsh, 1931), Il testimonio muto (t.o. Silent Witness, L. Hough 1932), Shangai Express (J. von Sternberg, 1932)
nel 1936
Il re dell’ombra (t.o. The Sleeping Cardinal, L. Hiscott, 1931)
Il signor Max (Camerini, 1937) nel 1938, Biancaneve e i 7 nani (Disney, 1937) e Notte di nozze (K.Vidor, 1935; il biglietto costava 1,10 lire) nel 1939, La donna di platino (Capra, 1931) nel 1940, Oltre l’amore (Gallone, 1940) nel 1941,
nel 1942:
Rebecca la prima moglie (A.Hitchcock, 1940; uno dei pochi film americani che circolava negli anni dell’autarchia, Senza volto (Molander, 1938; con Ingrid Bergman) e Brivido (Gentilomo, 1941)
Acque di primavera (Malasomma, 1942) nel 1943;
nel 1944:
L’uomo dalla croce (Rossellini, 1943), La contessa Castiglione (Calzavara, 1942) e Corto circuito (Gentilomo, 1943)
nel 1945:
Un’avventura di Salvator Rosa (Blasetti, 1940), In due si soffre meglio (Malasomma, 1943) e Zazà (Castellani, 1943)
Beau geste (Wellmann, 1939)) nel 1947, Notorious (Hichcock, 1946) e Ombre malesi (Wyler, 1940) nel 1948, Fuga in Francia (Soldati, 1948) nel 1949, Cuori senza frontiere (Zampoa, 1950),
nel 1951:
La voce nella tempesta (Wyler, 1939), Dumbo (Disney, 1941) e Winchester ‘73 (A. Mann, 1950)
Anna (Lattuada, 1951) nel 1952,
nel 1953:
Il grande gaucho (Tourneur, 1952) e Siamo tutti inquilini (Mattoli 1953), Salomé (Dieterle, 1953 con Rita Hayworth) in contemporanea con l’Alce, il giorno di Natale,
La guerra dei mondi (Haskin, 1953) e La spiaggia (Lattuada, 1954) nel 1954,
nel 1955:
L’avventuriero di Hong Kong (Dmytryk, 1955), Fronte del porto (Kazan, 1954), Terra lontana (A. Mann, 1954), Accadde al penitenziario (G. Bianchi, 1955)
L’uomo che sapeva troppo (Hitchcock, 1956), La risaia (Matarazzo, 1955) nel 1956, Sfida all’OK Corral (Sturges, 1957), Gangster cerca moglie (Tashlin, 1956) nel 1957
nel 1958:
Pal Joey (Sidney, 1957 con Frank Sinatra e Rita Hayworth), La banda degli angeli (Walsh, 1957), Belle ma povere (Risi, 1957), Il commissario Maigret (Delannoy, 1958 con Jean Gabin)
nel 1959:
Dove la terra scotta (Mann, 1958 con Gary Cooper), Brevi amori a Palma di Maiorca (Bianchi, 1959) e I magliari (Rosi, 1959)
nel 1960:
Viaggio al centro della Terra (Levin, 1959), L’ultima spiaggia (Kramer, 1959), Adua e le compagne (Pietrangeli, 1960), Appuntamento a Ischia (Mattoli, 1960),
nel 1961:
La ciociara (De Sica, 1960, con Sofia Loren), La legge del Signore (Wyler, 1956 con Gary Cooper) e La battaglia di Alamo (Wayne, 1960)
nel 1962:
Picnic alla francese (Renoir, 1959) e Leoni al sole (Caprioli, 1961), Sodoma e Gomorra (Aldrich, 1962),
nel 1963:
La grande fuga (Sturges, 1963), I cinque volti dell’assassino (Huston, 1963), I due colonnelli (Steno, 1962), Dal sabato al lunedì (Guerrasio, 1963)
nel 1964:
Lawrence d’Arabia (Lean, 1962), La guerra dei mondi (Haskin, 1953), Il treno (Frankenheimer, 1964), Tom Jones (Richardson, 1963), Italiani brava gente (De Santis, 1964)
nel 1965:
Agente 007 – Licenza di uccidere (Young, 1962), Il cmpagno Don Camillo (Comencini, 1965) e My Fair Lady (Cukor, 1964)
nel 1966:
Viaggio allucinante (Fleischer,1966), Il volo della Fenice (Aldrich, 1965), Mi vedrai tornare (Fizzarotti, 1966)
nel 1967:
L’arcidiavolo (Scola, 1966), Chi ha paura di Virginia Woolf? (Nichols, 1966), Incompreso (Comencini, 1966), L’immorale (Germi, 1967)
Ad ogni costo (Montaldo, 1967) nel 1968,
nel 1969:
Metti una sera a cena (Patroni Griffi, 1969), Gli intoccabili (Montaldo, 1969), La ragazza con la pistola (Monicelli, 1968), Duello nel Pacifico (Boorman, 1968),
nel 1970:
Nell’anno del Signore (Magni, 1969), I Girasoli (De Sica, 1969), Il commissario Pepe (Scola, 1969), La prigioniera (Clouzot, 1968), Il giovane normale (D. Risi, 1969), Il prof. dott. Guido Terzilli... (Salce, 1969), Metello (Bolognini, 1970), La tenda rossa (Kalatozov, 1969), Mio zio Berniamino (Molinaro, 1969), Il trapianto (Steno, 1970), Gott mit uns (Montaldo, 1970), Katmandou (Cayatte, 1970), Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (Petri, 1970),
nel 1971:
L’armata degli eroi (Melville, 1969), Venga a prendere il caffè da noi (Lattuada, 1970) e Patton, generale d’acciaio (Schaffner, 1970), Il dio serpente (Vivarelli, 1971), Stanza 17 17, palazzo delle tassse, ufficio imposte (Lupo, 1971), Una lucertola con la pelle di donna (Fulci, 1971), Un’anguilla da 300 milioni (Samperi, 1971), Confessione di un commissario di polizia a un procuratore della repubblica (Damiani, 1971)
nel 1972:
Sentieri selvaggi (Ford, 1956), Ispettore Callaghan il caso Scorpio è tuo (Siegel, 1971), Sole rosso (Young, 1971), Conoscenza carnale (Nichols, 1971), Il braccio violento della legge (Friedkin, 1971), Il vero e il falso (E. Visconti, 1972), Fratello sole, sorella luna (Zeffirelli, 1972), Questa specie d’amore (Bevilacqua, 1972), Quiller memorandum (M. Anderson, 1966; ried.), Il sindacalista (Salce, 1972), Beati i ricchi (Samperi, 1972)
nel 1973:
Il generale dorme in piedi (F.Massaro, 1972), Signore e signori (Germi, 1966; ried.), Tecnica di un omicidio (Prosperi, 1966) e Vogliamo i colonnelli (Monicelli, 1973)
nel 1974:
Io e lui (L.Salce, 1973), La grande abbuffata (Ferreri, 1973), Il sorriso del grande tentatore (Damiani, 1974) e Trash (Morrissey, 1970),
Shampoo
(Ashby, 1975), Frankenstein junior (M. Brooks, 1973) nel 1975,
nel 1976:
Roma a mano armata (Lenzi, 1976), Divina creatura (Patroni griffi, 1975), Il vento e il leone (Milius, 1975 con Sean Connery e Michael Caine), Pasqualino Settebellezze (Wertmuller, 1975), Cadaveri eccellenti (Rosi, 1976), La valle dell’Eden (Kazan, 1955; ried.), La caduta degli dei (Visconti, 1969; ried.)
nel 1977:
Mr. Klein (Losey, 1976), Anima persa (Risi, 1976) e Il maratoneta (Schlesinger, 1976),
nel 1978:
Io, Beau Geste e la legione straniera (Feldman, 1977), Piccolo grande uomo (A.Penn, 1970), Bianca e Bernie (Reitherman, Lounsbery e Stevens, 1977) e Capricorn one (P.Hyams, 1977),
nel 1980:
La collina dei conigli (Rosen, 1978), 10 (Edwards, 1979 con Bo Derek), La cicala (A.Lattuada, 1979), Super rapina a Milano (Celentano, 1964), Ho fatto splash! (Nichetti, 1980),
nel 1981:
Il tempo delle mele (Pinoteau, 1980), Taxi Driver (Scorsese, 1976), Prima pagina (Wilder, 1974), I predatori dell’arca perduta (Spielberg, 1981)
nel 1982:
I sovversivi (P.e V. Taviani, 1967), I giorni del ’36 (Anghelopulos, 1972) e Un mercoledì da leoni (Milius, 1978)
nel 1983:
Paradise (Gillard, 1982, con Phoebe Cates), Il tassinaro (Sordi, 1983) e Flashdance (Lyne, 1983)
Greystoke: la leggenda di Tarzan (Hudson, 1984) e Sotto il vulcano (Huston, 1984) nel 1984, Amadeus (Forman, 1984) nel 1985..
Nonostante il forte radicamento nella vita di quartiere e le iniziative diversificate portate dalla gestione, la concorrenza di televisione e home video, unitamente alle mutazioni nella composizione sociale della zona intorno a via Paolo Sarpi, portano alla chiusura della sala. Il cinema Augusteo chiude nel 1986.
Nel nuovo millennio – dopo che un progetto per farne una sala bingo è sfumato - lo stabile viene ristrutturato, diventando un semplice edificio residenziale.

 

Il cinema Augusteo dell’ex viale Vittoria intorno al 1910
(foto Farabola; su gentile segnalazione di Gaetano Marchisio)                                       foto*

Il cinema Augusteo dell’ex viale Vittoria nel 1920
Interno sala – incontro di boxe                                                                    foto
Pubblicità e profilo dell’edificio                                                                  
imm 1imm. 2

Lo stabile di viale Premuda (dic. 2010) sorto al posto del cineteatro
La facciata                                                                                              foto 1 - foto 2
Lo stabile verso piazza Cinque Giornate                                                   
foto
Lo stabile verso piazza Tricolore                                                               
foto

Il nuovo edificio di via Paolo Sarpi nel giugno 2008
La facciata                                                                                              foto 1foto 2
Lo stabile verso corso Sempione                                                               
foto
Lo stabile verso via Farini                                                                         
foto

Il progetto di ristrutturazione (da www.milanoimmobili.it , su gentile segnalaz. di Willy Salveghi)
L’ingresso e vista aerea dell’edificio                                                         imm. 1imm. 2

Manifesti dell’Augusteo di viale Vittoria:(fonte: Cineteca It. www.lombardiabeniculturali.it)
1920
La portatrice di pane; L’innamorata -                                                   
immagine
La sfera della morte - lug                                                                       
immagine
La regina del carbone - lug                                                                    
immagine
Mascherata in mare - ott                                                                        
immagine
Uomini gialli – nov                                                                               
immagine
Il club degl’impiccati – nov                                                                    
immagine
1921
Il figlio della strada- mar                                                                     
immagine
L’onestà del peccato o La fine di un vile – mag                                     
immagine
La signora rebus o La donna infernale mag.                                      
immagine
La duchessa di Nala – lug                                                                      
immagine
Il circo del terrore– lug                                                                         
immagine
Il mistero della notte del 13 giugno – ago                                              
immagine
Il gioco della fortuna– set                                                                     
immagine
La signora senza pace – set                                                                  
immagine
Per una lacrima – nov                                                                             
immagine
Una donna è scomparsa – nov                                                              
immagine
Il protetto della morte – nov                                                                   
immagine
Il gigante, i serpenti e la formica - dic                                                    
immagine
Tutto il mondo è teatro – dic                                                                   
immagine
Il gioiello di Khama – dic                                                                      
immagine
La casa che brucia – dic                                                                        
immagine
nel 1922
Il faro rosso; La danza del pugnale – mar                                             
immagine
Rocambole – lug                                                                                      
immagine
1923
Il rettile della metropolitana –mar                                                         
immagine
Il più celebre ladro del mondo – mag                                                      
immagine
L’uomo che osò – mag                                                                          
immagine

Manifesti tipografici dell’Augusteo di via Sarpi (fonte: Cineteca It. www.lombardiabeniculturali.it)
1926
Come il turbine - ott                                                                                
immagine
La vampa – dic                                                                                       
immagine
Demone scintillante - dic                                                                        
immagine
1928
Bardelys il magnifico – ago                                                                    immagine
Terremoto – set                                                                                       
immagine
I fanti del mare – set                                                                               
immagine
La canzone della mamma– ott                                                                 
immagine
1930
I 4 diavoli                                                                                               
immagine
L’ombra della Siberia – mar                                                                 
immagine
Rottami – dic                                                                                         
immagine
1931
I diavoli volanti - gen                                                                              
immagine
1932
Addio Madrid                                                                                        
immagine
I vampiri – gen                                                                                        
immagine
L’orda conquistatrice – feb                                                                    
immagine
La crociera del delitto - dic                                                                    
immagine
1933
La grande prova                                                                                   
immagine
Il falco – mar                                                                                          
immagine
Una notte a Versailles – apr                                                                   
immagine
La femmina del circo – apr                                                                     immagine
Il testimonio muto– apr                                                                           
immagine
Alto tradimento; Passaporto giallo – mag                                               immagine
1936
Il re dell’ombra - lug                                                                              
immagine

Annunci pubblicitari su quotidiani
Gangster cerca moglie – tamb. 6 apr. 1957                                              immagine
Sfida all’OK Corral – tamb. 24 dic 1957                                                
immagine
Il commissario Maigret - tamb. 24 dic 1958                                             
immagine
Dove la terra scotta -  tamb. 27 feb 1959                                                
immagine
Dal sabato al lunedì - 30 apr 1963                                                         
immagine
La grande fuga – 1 nov. 1963                                                                 
immagine
I cinque volti dell’assassino   - 29 nov. 1963                                           
immagine
Italiani brava gente – nov. 1964                                                              
immagine
Mi vedrai tornare - 1 apr. 1966                                                                
immagine
Viaggio allucinante - 26 nov 1966                                                           
immagine
Patton, generale d’acciaio – 1971                                                         
immagine
Il generale dorme in piedi – ott. 1973
(per gentile concess. di Willy Salveghi)         immagine
Io e lui – gen 1974
(per gentile concess. di Willy Salveghi)                                   immagine
Ho fatto splash! – 24 gen. 1981
(per gentile concessione di Marco Ferrari)             immagine
Sotto il vulcano – 1 dic 1984
(per gentile concess. di Willy Salveghi)                           immagine

Biglietto del cinema Augusteo (per gentile concessione di Marco Ferrari)
                      
(1976)                                                                                   immagine

Mappa di Milano del 1939 (S. Babila)
Posizione del cinema Augusteo di viale Premuda                                        
immagine

Mappa di Milano (corso Sempione)
Posizione del cinema Augusteo di via Sarpi                                                
immagine

          si ringrazia Willy Salveghi per la collaborazione

 

 

si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito (spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte