cinema Capitol - Milano

il cinema nel set. 1951;
 il film in cartellone è Okinawa

Il cinema Capitol (1350 posti) era situato nella piccola via Croce Rossa (al civico n. 2), perpendicolare a via Manzoni e in asse con via Monte Napoleone.
Nasce come parte di un imponente edificio destinato, oltre che allo spazio cinematografico, a negozi, uffici e abitazioni progettato. Lo progetta Enrico Griffini alla fine degli anni trenta e viene realizzato nel 1948-49.
L’elegante sala di prima visione, inaugurata il 16 settembre 1949 con il film La parata delle stelle (Sidney, 1943), prosegue la propria attività per trentacinque anni, ospitando numerosi capolavori del cinema italiano degli anni cinquanta, sessanta e settanta spesso con prestigiose anteprime alle quali prendevano parte cineasti ed attori.
Tra gli eventi più importanti va certamente menzionata la prima visione milanese de La dolce vita felliniana. In quell’occasione (6 febbraio 1960) il folto pubblico, “preparato” da una lunga campagna di tipo scandalistico (che lasciava presumere un intervento a breve della magistratura con relativo sequestro della pellicola) inscena una vera e propria ressa alle porte del cinema che termina con la rottura delle vetrate. La pellicola resterà in programmazione per alcuni mesi.
Ancora nel 1960 vanno menzionate le prime visioni nazionali di Rocco e i suoi fratelli (ottobre) e de La ciociara (dicembre; presenti De Sica e la Loren).
Negli anni sessanta alcune sale di prima visione stabilisce un rapporto privilegiato con alcuni cineasti; è, ad esempio, il caso del Mignon (vedi) nei confronti di Antonioni. Il Capitol ospita invece il grande cinema di Federico Fellini: in quel decennio la sala mette in cartellone tutti i lavori dell’artista, con la sola eccezione del Satyricon (1969).
Tra le altre pellicole poste in programmazione al Capitol, segnaliamo Odissea tragica (Zinneman, 1948) nel 1949, Bandiera gialla (Kazan, 1950), Vita da cani (Steno, Monicelli, 1950), L’amante di una notte (Clement, 1950) nel 1951,
nel 1952:
Don Camillo (Duvivier, 1952), La regina d’Africa (Huston, 1952), Le belle della notte (Clair, 1952),
Vite vendute
(Clouzot, 1952) e Sciacalli nell’ombra (Losey, 1950) nel 1953,
nel 1954:
Miseria e nobiltà (1954), Operazione mistero (Fuller, 1954), Il seduttore (Rossi, 1954)
nel 1955:
E’ nata una stella (Cukor, 1954), Senso (Visconti, 1954), Racconti romani (Franciolini, 1955)
nel 1956:
Gioventù bruciata (N. Ray, 1955), Ore disperate (Wyler, 1955), L’ultima caccia (R. Brooks, 1956), La fortuna di essere donna (Blasetti, 1956)
Rififi (Dassin, 1955) e Souvenir d’Italie (Pietrangeli, 1956) nel 1957,
nel 1958:
Un re a New York (Chaplin, 1957), Le spie (Clouzot, 1957), Il ponte sul fiume Kwai (Lean, 1957) nel 1958, Nella città l’inferno (Castellani, 1958) nel 1959,  Brevi amori a Palma di Maiorca (Bianchi, 1959), L’ultima spiaggia (Kramer, 1959),
nel 1960:
I delfini (Maselli, 1960), La dolce vita (Fellini, 1960), Rocco e i suoi fratelli (Visconti, 1960) e La ciociara (De Sica, 1960)
Gli spostati (Huston, 1961), Don Camillo monsignore ma non troppo (Gallone, 1961), I due volti della vendetta (Brando, 1961),
nel 1962:
I sequestrati di Altona (De Sica, 1962), Boccaccio ’70 (Fellini, Visconti, De Sica 1962), La cuccagna (Salce, 1962)
nel 1963:
81/2
(Fellini, 1963; tiene cartellone per due mesi), L’ape regina (Ferreri, 1963), I mostri (Risi, 1963)
nel 1964:
Matrimonio all’italiana (De Sica, 1964), Se permettete parliamo di donne (Scola, 1964), Il magnifico cornuto (Pietrangeli, 1964), Terrore alla 13° ora (F. Coppola, 1963)
nel 1965:
Questa volta parliamo di uomini (Wertmuller, 1965), Weekend a Zuydcoote (Verneuil, 1964), Giulietta degli spiriti (Fellini, 1965), Made in Italy (Loy, 1965)
nel 1966:
Signore e signori (Germi, 1966), Arabesque (Donen, 1966), Il sipario strappato (Hitchcock, 1966)
nel 1967:
Le streghe (Bolognni, Pasolini, De Sica 1967), Le dolci signore (Zampa, 1967), L’immorale (Germi, 1967), C’era una volta (Rosi, 1967)
nel 1968:
Il giorno della civetta (Damiani, 1968), Tre passi nel delirio (Fellini, Malle, Vadim, 1968), Sissignore (Tognazzi, 1968),
nel 1969:
L’amante (Sautet, 1969), L’alibi (Lucignani, Gassman, Celi 1969), La caduta degli Dei (Visconti, 1969), La tenda rossa (Kalatozov, 1969)
nel 1970:
Il tagliagole (Chabrol, 1970), Topaz (Hitchcock, 1969), L’assassino di Rillington Place n. 10 (Fleischer, 1970), Il trapianto (Steno, 1970), Patton generale d’acciaio (Schaffner, 1969), Tristana (Bunuel, 1970), Un’anguilla da 300 milioni (Samperi, 1971), L’amante (Sautet, 1969)
nel 1971:
I senza nome
(J. P. Melville, 1970), Il gatto a nove code (D. Argento, 1971; in contemporanea con il cinema Arlecchino), L’uccello dalle piume di cristallo (Argento, 1970; ried.) 
nel 1972:
Ispettore Callaghan, il caso Scorpio è tuo! (D. Siegel, 1971), Il braccio violento della legge (W. Friedkin, 1971), L’attentato (Boisset, 1972),  Provaci ancora, Sam (Ross, 1972), Frenzy (A. Hitchcock, 1972), Cosa avete fatto a Solange? (Dallamano, 1972), I racconti di Canterbury (Pasolini, 1972), Getaway (S. Peckinpah, 1972), Willard e i topi (Daniel Mann, 1970)
nel 1973:
Signore e signori (Germi, 1966), Sono stato io (Lattuada, 1973), Psycho (Hitchcock, 1960)
nel 1974:
La stangata (Roy Hill, 1973), L’ultima corvé (Ashby, 1973),  Zardoz (Boorman, 1973), Gruppo di famiglia in un interno (Visconti, 1974)
nel 1975:
Shampoo (Ashby, 1975), Quella sporca ultima meta (Aldrich, 1974), Gang (Altman, 1973), Pasqualino Settebellezze (Wertmuller, 1975)
nel 1976:
Cadaveri eccellenti (Rosi, 1976), Quel pomeriggio di un giorno da cani (Lumet, 1975), Salon Kitty (Brass, 1976), Quattro mosche di velluto grigio (Argento, 1971), A qualcuno piace caldo (Wilder, 1959; ried.), Complotto di famiglia (Hitchcock. 1976), L’Agnese va a morire (Montaldo, 1976)
nel 1977:
Quinto potere (Lumet, 1977), Un attimo, una vita (Pollack, 1977), Ma come si può uccidere un bambino? (Serrador, 1976), Febbre da cavallo (Steno, 1976)
Giulia (Zinnemann, 1977) nel 1978), L’albro degli zoccoli (Olmi, 1978)
nel 1979:
Cristo si è fermato a Eboli (Rosi, 1979), Alien (R. Scott, 1979), Infedelmente tua (Lautner, 1979)
Brubaker (Rosenberg, 1980) nel 1980,
nel 1982:
La ragazza di Trieste (Festa Campanile, 1982), E tutti risero (Bogdanovich, 1981)
nel 1983:
Britanna Hospital (L. Anderson, 1982), Danton (Wajda, 1982) e Direttore d’orchestra (Wajda, 1980)
Coraggio... fatti ammazzare (Eastwood, 1983) e Christine la macchina infernale (Carpenter, 1983) nel 1984.
Il Capitol è tra i primi cinema a chiudere i battenti, a causa dell’esplosione televisiva dei primi anni ottanta. La programmazione cessa nell’estate 1984. Di lì a pochi mesi la via croce Rossa verrà sconvolta dai lavori per la terza linea della metropolitana.
Oggi la sala, opportunamente ristrutturata, è divenuta un grande negozio di abbigliamento.

 

Via Croce Rossa agli inizi del secolo
(da Skycrapercity.com, su gentile segnalazione di Marco Ferrari)                           foto

Cinema Capitol intorno al 1950
L’edificio complessivo, visto da via Montenapoleone                           foto*
Dettaglio della cartolina                                                                     
foto

Cinema Capitol intorno al 1950
L’edificio complessivo, visto da via Monte di Pietà                              foto*
Dettaglio della cartolina                                                                     
foto

Cinema Capitol nel settembre 1951.
In programmazione c’è il film Okinawa (L. Milestone, 1951)              
foto*
Dettaglio della cartolina                                                                     
foto

Ingresso secondario su via Manzoni, angolo via Pisoni, nel nov. 1954
in programmazione c’è Il piccolo fuggitivo (Ashley, 1953)
(da Skycrapercity.com, su gentile segnalazione di Marco Ferrari)                           foto

Cinema Capitol nel 1955 (per gentile concessione di Willy Salveghi)                foto

La sala negli anni cinquanta
(su gentile segnalazione di Willy Salveghi e Marco Ferrari)                                   foto*

Cinema Capitol nel febbraio 1962
In programmazione c’è il film Boccaccio ‘70                                       foto

Cinema Capitol nell’ottobre 1962
In programmazione c’è il film La cuccagna                                         foto

Fellini al Capitol - anteprima di 81/2 (feb. 1963)
L’ingresso e l’atrio                                                               foto 1 - foto 2 - foto 3*
La sala                                                                                             
foto 1 - foto 2*

Cinema Capitol nell’ottobre 1969                                                 foto

Cinema Capitol nel 1976                                                                foto

Cinema Capitol nell’autunno 1982 (per gentile concessione di Marco Ferrari)  
In programmazione c’è il film inglese Britanna Hospital                    foto*

Medesimo spazio urbano nell’ottobre 2007
Visione frontale dell’attuale negozio                                                    foto
Visione laterale                                                                                
foto
Visione laterale, dando le spalle a via Monte Napoleone. Risalta
sulla sinistra l’orribile monumento a Sandro Pertini (Aldo Rossi, 1990)   
foto

Annunci pubblicitari su quotidiani
Le spie - 17 gen 1958                                                                        immagine*
Gli spostati – 31 mar. 1961                                                               
immagine
Boccacco ‘70 – 22 feb. 1962                                                              
immagine*
Terrore alla 13° ora - 8 ago 1964                                                    
immagine
Il magnifico cornuto – 3 dic. 1964                                                   
immagine
Weekend a Zuydcoote – 2 set. 1965                                                 
immagine*
C’era una volta – 29 nov 1967                                                        
immagine
La tenda rossa – dic 1969                                                               
immagine
Il tagliagole – sett. 1970                                                                  
immagine*
L’assassino di Rillington Place n. 10 – 1970                                    
immagine*
Il cadavere dagli artigli d’acciaio (Keigel)- 20 ott 1970                   
immagine
I senza nome – 17 dic. 1970                                                              
immagine*
Il gatto a nove code – 12 febb. 1971                                                 
immagine*
Un’anguilla da 300 milioni – 7 mag 1971                                      
immagine
L’uccello dalle piume di cristallo (ried.) – estate 1971                     
immagine
Io sono Valdez (Sherin) – 26 ago 1971                                               
immagine
Roma bene – 20 ott. 1971                                                                   immagine*
Il braccio violento della legge – 1972                                               
immagine*
Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo – 1972                            
immagine
Provaci ancora, Sam – 1972                                                            
immagine
Willard e i topi – 2 mar 1972                                                             
immagine
Cosa avete fatto a Solange? – 27 mag. 1972                                    
immagine*
L’attentato – sett. 1972                                                                    
immagine*
Frenzy – 26 ott. 1972                                                                      
immagine*
Getaway – 16 dic. 1972                                                                    
immagine*
Gang - 15 dic. 1975                                                                          
immagine*
Pasqualino Settebellezze - 28 dic. 1975                                             
immagine
Cadaveri eccellenti - 20 feb. 1976                                                      
immagine*
Infedelmente tua - 30 ago. 1979
(per gentile concessione di Willy Salveghi)    immagine
Alien - 25 ott. 1979                                                                          
immagine*

Articoli su quotidiani (per gentile concessione di Marco Ferrari)
“Nell’estate assassina moriranno Capitol, Rivoli, Dal Verme, America,
XXII Marzo”  di Giorgio Carbone – La Notte, lug. 1984                       
immagine
“Addio vecchio Capitol” - Il Giorno, 21 apr. 1985                                 
immagine

Biglietto del cinema (anni sessanta) (per gentile conces. di Willy Salveghi)  immagine
                                 (1977)
(per gentile concessione di Willy Salveghi)            immagine
                                 (1981)                                                           
immagine

Mappa di Milano (Duomo - p. Scala - via Manzoni)
La posizione del cinema                                                                     
immagine

* l’asterisco segnala foto o materiale di particolare interesse

scheda creata nell’apr. 2008; ultimo aggiornamento: mar 2016

 

 

Si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito
(spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte