cinema Centrale - piazza Duomo

il cinema negli anni dieci
a sinistra si nota il cinema Apollo

Il cinema Centrale – attivo fin dal 1909 – è stata una delle sedi fondamentali nella storia dello spettacolo di Milano nei primi decenni del Novecento. Il locale era situato sotto i Portici settentrionali (inaugurati nel 1874) di piazza Duomo, in prossimità dell’imbocco della Galleria Vittorio Emanuele. Di fianco operava il caffé-cinema Apollo.
Il Centrale è dotato di un piccolo atrio con le pareti rivestite di ceramica bianca – analogamente al vicino “diurno” – in un angolo del quale è presente la cassa, una struttura di legno scuro. Negli anni venti alla cassa è presente un’anziana cassiera, con una parrucca riccia e rossiccia, sempre avvolta in due diversi scialli.
Il locale ospita film in prima visione cittadina con teniture abbastanza prolungate. Lo dimostra il fatto che i manifesti tipografici, utilizzati per informare il pubblico, sono incentrati sempre su un unico film di cui non vengono comunicati i giorni di programmazione (vedi sotto). Anche dagli alti prezzi (un biglietto nei primi posti costa ben L. 4,75) si comprende la tipologia del locale la cui programmazione è, infatti, una delle poche (insieme a quelle di S. Radegonda, Italia, Silenzioso, Palace e Volta) ad essere regolarmente presente sui quotidiani milanesi degli anni dieci e venti.
Il Centrale proietta, già nel marzo 1930, la celebre pellicola Il cantante di jazz (t.o. The Jazz Singer, A. Crosland, 1927) ossia il primo tentativo di sonorizzazione di un film compiuto ad Hollywood. Se ne può dedurre che il locale è tra i primi ad adeguare le proprie apparecchiature alla rivoluzione del sonoro. Sul Corriere della Sera, di fianco al titolo del film con Al Jolson, compare la scritta “sonoro parlante”.
Saltuariamente la sala ospita, al posto del consueto lungometraggio, documentari incentrati su grandi eventi, occasione rara (all’epoca) per vedere personaggi e luoghi di notevole rilevanza politica, sociale o religiosa. E’ il caso del documentario (programmato nel 1920 in contemporanea con il vicino cinema S. Radegonda) che mostra Benedetto XV e la cerimonia di santificazione di Giovanna d’Arco nel 1920 e del filmato che riprende l’incoronazione di Pio XI (12 febbraio 1922) il quale, richiestissimo, fa il giro d’Italia e pertanto - come rende noto il manifesto (vedi sotto) - può rimanere nella sala (come pure al cinema Italia di p. Missori) solo per pochi giorni.
Da segnalare, nel 1910, un incendio scoppiato nella cabina del Centrale con un danno pari a 300 lire, in seguito al quale verrà posta maggiore attenzione alle norme di sicurezza nei cinema milanesi, tra le altre, con l'introduzione di estintori e del divieto di fare accedere in sala un numero superiore di persone alla disponibilità dei posti a sedere.
Tra i film ospitati dalla sala ricordiamo
nel 1909
Amore e patria (L. Maggi, 1909); La dannazione di Faust (t.o. Damnation du Docteur Faust; Melies, 1904)
nel 1912
La nave (bencivenga, 1912; su soggetto di D’Annunzio), numerosi documentari inerenti la guerra in Libia, papa Pio X nei giardini vaticani e le Olimpiadi tenutesi a Stoccolma
nel 1913
Un romanzo parigino (Feuillade), Ma l’amor mio non muore (Caserini, 1913; con Lyda Borelli)
nel 1916
Madame Tallien (Guazzoni, 1916; con Lyda Borelli)
nel 1917
Come le foglie (G. Righelli, 1917); documentari inerenti la guerra;
nel 1918
Carnevalesca (Palermi, 1918), Il ferro (Falena, 1918), La principessa di Bgdad (Negroni, 1918)
nel 1919
Femmina (Genina, 1918), Primerose (M. Caserini, 1919)
nel 1921
L’ombra di un trono (C. Gallone, 1921), Sterminator Vesevo (G. Mannini, 1921) Più che il sole! (E. Geymonat, 1921)
nel 1922
Documentari inerenti la figura del nuovo papa Pio XI
nel 1923
Salomé (t.o. idem, C. Bryant, 1922), L’ospite sconosciuta (T. Ruggeri, 1923)
nel 1924
Vigliaccheria (t.o. Gentlemen's Agreement, D. Smith, 1918), Quella che vi ama (t.o. The Gilded Lily, R. Leonard 1921), Le vie del mare (T. Rolli, 1923);
A New York si fa così
(Wyler, 1928), Il cantante di jazz (t.o. The Jazz Singer, A. Crosland, 1927) e Sfida alla morte (Ince, 1926) nel 1930, Natura e amore (U. Schulz, 1926) nel 1932, La contessa di Montecristo (Hartl, 1932) nel 1933
La sala chiude nella primavera del 1933.
Nel dopoguerra tale spazio commerciale viene occupato dapprima dal caffè – pasticceria Motta e, in seguito, da differenti Fast Food. 

 

Cinema Centrale negli anni dieci                                                   foto*
L’ingresso                                                                                        
foto

Cinema Centrale e Apollo nel 1912 (per gentile concess. di Stefano Petrella)
In primo piano i profughi italiani espulsi dall’impero ottomano               
foto*

Cinema Centrale negli anni venti
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                       foto 1 - foto 2*

Pasticceria Motta intorno al 1950                                                  foto 1foto 2

Fast Food nel dicembre 2007
Immagine complessiva                                                                         foto 1 - foto 2
Vetrate d’ingresso e portici                                                                
foto 1foto 2

Programma di sala - set- 1909 (per gentile concessione di Willy Salveghi)
I principali film in pogramma sono Amore e patria e la Dannazione di Faust     foto*

Manifesti del cinema Centrale(fonte: Cineteca Italiana –  www.lombardiabeniculturali.it)
1917
Come le foglie                                                                                
immagine
1920
Benedetto XV e la santificazione di Giovanna d’Arco - docum.       
immagine
1921
Sterminator Vesevo                                                                        
immagine
Più che il sole!                                                                                
immagine
L’ombra di un trono- dic                                                              
immagine
1922
L’incoronazione di Pio XI (fuori programma)                                  
immagine
1923
Salomé                                                                                            
immagine
L’ospite sconosciuta                                                                       
immagine
Valanghe umane                                                                              
immagine
1924
Le vie del mare                                                                               
immagine
Vigliaccheria                                                                                    immagine
Quella che vi ama                                                                           
immagine

Pieghevole pubblicitario de Il matrimonio segreto (C. De Riso, 1913)   immagine

Cartoline pubblicitarie (su gentile segnalazione di Marco Ferrari)         imm.1imm. 2imm.3

Mappa di Milano nel 1930 (centro città)
Posizione del cinema                                                                          
immagine

Mappa di Milano (Duomo - p. Scala - via Manzoni)
La posizione del cinema                                                                     
immagine

scheda creata nel gen. 2010; ultimo aggiornamento: mar.2016

si ringraziano Willy Salveghi e Marco Ferrari per le notizie fornite

* l’asterisco segnala immagini o documenti di particolare interesse

 

 

Si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito
(spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte