cinema Delle Stelle - Majestic - Majestic Sexi Movie

il cinema Delle Stelle
nel 1955

Il cinema Delle Stelle (1150 posti), situato in via Lambro n. 14, non lontano da Porta Venezia, inizia la propria attività nei primi mesi del 1949 . Si tratta di un locale di terza visione.
Tra le pellicole rilevanti proiettate al Delle Stelle segnaliamo Scarpette rosse (Powell, Presburger, 1948) nel 1949, Le sei mogli di Barbablù (Bragaglia, 1950) e Milano miliardaria (Marchesi, Metz, 1951) nel 1951,
nel 1952:
Il caso Paradine (Hitchcock, 1947), Furore (Ford, 1940), Operazione Cicero (Mankiewicz, 1952)
La giostra umana (Hawks, King, 1952) e Seduzione mortale (Preminger, 1952) nel 1953, La storia di Glenn Miller (A. Mann, 1954) nel 1954, Il segno di Venere (Risi, 1955) e Scuola elementare (Lattuada, 1955) nel 1955, Caccia al ladro (Hitchcock, 1955) e Giorno maledetto (Sturges, 1955) nel 1956, Le notti di Cabiria (Fellini, 1957) e Oklahoma! (Zinnemann, 1955) nel 1957
nel 1958:
Nata di marzo (Pietrangeli, 1957), Mariti in città (Comencini, 1957), Il giro del mondo in 80 giorni (M. Anderson, 1956)
nel 1959:
I soliti ignoti (Monicelli, 1958), Poveri milionari (Risi, 1959) e Mogli pericolose (Comencini, 1958)
nel 1960:
Adua e le compagne (Pietrangeli, 1960), I giganti del mare (M. Anderson, 1959), Kapò (Pontecorvo, 1960)
nel 1961:
L’appartamento (Wilder, 1960), Buonanotte avvocato (Bianchi, 1955) e Rocco e i suoi fratelli (Visconti (1960)
nel 1962:
Il mistero del falco (Huston, 1941), La bellezza d’Ippolita (Zagni, 1962), Totò e Peppino divisi a Berlino (Bianchi, 1962) e La donna è donna (Godard, 1961),
Il sorpasso (Risi, 1962) nel 1963, La dolce vita (Fellini, 1960; ried.) e Cleopatra (Mankiewicz, 1963) nel 1964,
nel 1965:
Per un pugno di dollari (Leone, 1964), I complessi (Risi, 1965) e Thrilling (Lizzani, Scola, 1965)
L’armata Brancaleone (Monicelli, 1966), Ipcress (Furie, 1965) nel 1966,
nel 1967:
Il sipario strappato (Hitchcock, 1966), Chi ha paura di Virginia Woolf (Nichols, 1966), Le vacanze del signor Hulot (Tatì, 1953) e Splendore nell’erba (Kazan, 1961),
Corri uomo corri (Sollima, 1968) nel 1968,
nel 1969:
I due crociati (Orlandini, 1968), I due volti della vendetta (Brando, 1961), Metti una sera a cena (Patroni Griffi, 1969) e Base artica zebra (Sturges, 1968),
nel 1970:
La caduta degli dei
(Visconti, 1969), La tenda rossa (Kalatozov, 1969), L’uomo venuto dalla pioggia (Clement, 1970), Una su 13 (Gessner, 1969), Le pillole d’Ercole (Salce, 191; ried.), Colpo rovente (Zuffi, 1970), Nell’anno del Signore (Magni, 1969), To’ è morta la nonna (Monicelli, 1969), I girasoli (De Sica, 1970), Gott mit uns (Montaldo, 1970)
nel 1971:
Il giardino dei Finzi-Contini (De Sica, 1970), Il prete sposato (Vicario, 1970), Una ragazza piuttosto complicata (Damiani, 1969)
nel 1972:
La classe operaia va in Paradiso (Petri, 1971), I diavoli (Russell, 1971), La polizia ringrazia (S. Vanzina, 1972), Gli scassinatori (Verneuil, 1971), Il merlo maschio (Festa Campanile, 1971), Il medico dei pazzi (Mattoli, 1954; ried.), L’iguana dalla lingua di fuoco (Freda, 1971), Bianco, rosso e... (Lattuada, 1972), Alta infedeltà (Petri, Monicelli 1964), Il caso Carey (Edwards, 1972)
nel 1973:
Jus primae noctis (Festa Campanile, 1972), Alfredo Alfredo (Germi, 1972), Joe Valachi (Young, 1973), Terrore cieco (Fleischer, 1972), La dolce ala della giovinezza (R. Brooks, 1962), Prendi i soldi e scappa (Allen, 1969)
Il Delle Stelle chiude all’inizio del 1974.

Dopo lavori di ristrutturazione la sala riapre nel settembre 1974 come cinema Majestic (circa 900 posti) e si colloca tra i locali milanesi di prima visione. Il locale è stato radicalmente rinnovato (le poltrone, più spaziose, sono ora di un colore blu elettrico); il film scelto per l’inaugurazione è Il giorno del toro (Reeve, 1974)
Tra le pellicole rilevanti proiettate nella sala di via Lambro ricordiamo:
Incontro d’amore (Liberatore, 1970) nel 1974;
nel 1975:
Una ragione per vivere e una per morire (Valerii, 1972), L’assassino è costretto a uccidere ancora (Cozzi, 1974), Non toccare la donna bianca (Ferreri, 1975), Fratello mare (Quilici, 1975) e Il colpo della metropolitana (Sargent, 1974)
nel 1976:
Taxi Driver (Scorsese, 1976), Immagine allo specchio (Bergman, 1975), Buffalo Bill e gli indiani (Altman, 1976) e Salò o Le centoventi giornate di Sodoma (Pasolini, 1975)
nel 1977:
Quella strana ragazza che abita in fondo al viale (Gessner, 1976), Basta che non si sappia in giro (Loy, Magni 1976), Salò o Le centoventi giornate di Sodoma (Pasolini, 1975)
Di lì a poco - precisamente il 15 novembre 1977 – la sala sceglie la via del cinema erotico (e in seguito, a partire dal 1980, del cinema hardcore) diventando il Majestic Sexi Movie, il primo locale a luci rosse di Milano.
Locale-simbolo della svolta cinematografica verso la libertà più totale - presto seguito da una folta pattuglia di sale di seconda, terza e perfino di prima visione (vedi l’Alcione) - la parabola del Delle Stelle-Majestic testimonia la nuova egemonia della cultura dell’edonismo che si afferma alla fine degli anni settanta, concessa (d’ora in poi, in modo assai pragmatico, la censura fingerà di non sapere cosa si proietta in quelle sale) e voluta dal potere politico (si noti un potere politico a maggioranza cattolico) per depotenziare i tragici eccessi (tra stragi, attentati, sequestri ed esecuzioni sommarie) del decennio cha va terminando. Mentre il terrorismo è al proprio apice, insanguinando la penisola, il dilagante cinema a luci rosse – unitamente alla nascente mania delle discoteche e alla nascita delle televisioni private – prepara l’approdo ai differenti anni ottanta, tranquillamente consumisti e poco interessati alle cose politiche.
La lotta per un erotismo più libero – cavallo di battaglia delle sinistre per numerosi decenni – approda ironicamente a un esito inatteso ovvero a una libera e fiorentissima industria del porno, in mano a forze certamente non socialcomuniste la cui funzione, in ambito politico, è di stabilizzazione conservatrice. Tale esito verrà sempre inutilmente stigmatizzato dalla classe intellettuale (ordinatamente schierata a sinistra): una volta dissolto il cosiddetto comune senso del pudore, ognuno è in realtà libero di proporre film di argomento erotico nello stile che ritiene più opportuno. In un’ottica ancora tutta da esaminare e approfondire, va quindi rilevato che le aspre lotte per la libertà di espressione cinematografica degli anni sessanta e settanta preparano in sostanza l’avvento del mastodontico fenomeno dell’industria pornografica.
Il Majestic Sexi Movie rimane in attività fino al 30 agosto 1992, quando l’ormai vasto mercato di film erotici in vhs rende inutili queste grandi sale a luci rosse.
Nella seconda metà degli anni novanta l’edificio viene abbattuto per far posto a un nuovo ed elegante edificio residenziale.

 

Il cinema Delle Stelle intorno al 1955
Piazza 8 novembre e via Lambro                                                   foto
L’edificio del cinema                                                                   
foto

La sala del Majestic nel 1974
(su gentile segnalazione di Willy Salveghi)                                                                foto

Il Majestic intorno al 1980 (per gentile concessione di Marco Ferrari)
In programmazione il film Le confessioni di una porno hostess     foto

Medesimo spazio urbano nell’aprile 2008
Il nuovo edificio verso piazza 8 novembre                                      foto 1 - foto 2
Il nuovo edificio verso piazza Oberdan                                          
foto
Il nuovo edificio visto da piazza 8 novembre                                  
foto

Annunci pubblicitari su quotidiani
I complessi - 3 dic. 1965                                                                immagine
L’assassino è costretto a uccidere ancora  - gen. 1975 
(su gentile segnalazione di Willy Salveghi)                                                immagine
Non toccare la donna bianca  - 12 mar. 1975                            
immagine
Gola profonda (Deep Throat II; Sarno, 1974) - 6 dic. 1975          
immagine
Salò o Le centoventi giornate di Sodoma - 10 gen. 1976            
immagine
Taxi Driver – nov. 1976                                                             
immagine
Le ragazze dal ginecologo (Hofbauer, 1970) – 30 nov 1977         
immagine
Alice nel paese delle pornomeraviglie  - 31 ago. 1978                
immagine

L’apertura del Majestic nel set. 1974 (Corriere della sera, 19 set. 1974)
(su gentile segnalazione di Willy Salveghi)                                                               
immagine

Il Segnatempo del cinema Delle Stelle negli anni cinquanta
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                                immagine

Segnalatore di Imminente del Majestic nel 1979
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                                immagine

Biglietti del cinema Delle Stelle (per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                                          anni sessanta                                                                 immagine
               anni settanta                                                                
immagine

Mappa di Milano (corso Buenos Aires)
Posizione del cinema                                                                    
immagine

scheda creata nel set. 2008; ultimo aggiornamento: giu. 2016

 

 

si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito (spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte