cinema Palace - cinema Palazzo - cinema Diamante

il cinema intorno al 1990

 testo scritto in collaborazione con Marco Ferrari

Nel 1926 il cinema Palace chiude la sua elegante sede nella centralissima corso Vittorio Emanuele e riapre in periferia. La scelta di via Filzi 5 è certamente da mettere in relazione con la vicinanza della Stazione centrale milanese, situata (fino al 1931) in piazzale Fiume (poi piazza Repubblica). Il quartiere doveva essere estremamente animato a causa dei numerosi viaggiatori in arrivo e in partenza.
Nella primavera 1929 il cinema passa in mano a Mauro Rota, gestore di numerosissime sale milanesi.
Tra i film ospitati al cinema Palace ricordiamo:
nel 1927:
La febbre dell’oro (Chaplin 1925), Il pellegrino (Chaplin, 1923)
nel 1928
Il ballerino di mia moglie (t.o. Die Tanzer meiner Frau, A Korda 1925)
nel 1929
Notte di capodanno a New York (t.o. Wolf’s Clothing, R. Del Ruth, 1927), Crisi (t.o. Abwege, G. Pabst, 1928)
nel 1931
Venere moderna (t.o. Venus, L. Mercanton, 1929), La città canora (t.o. Die singende Stadt, C. Gallone, 1930)
nel 1938
Desiderio (Borzage, 1936), Avorio nero (Le Roy, 1936),
nel 1939
Morto in fuga (Berthomieu, 1937), L’allegro postiglione (Lamac, 1936), Il destino in tasca (Righelli, 1938) in doppia programmazione con Elena studentessa di chimica (Benoit-Levy, 1936).
.

Intorno al 5 marzo 1939 la gestione - in ossequio alla coeva, vivace campagna autarchica, generata dalle sanzioni imposte dall’Europa al regime mussoliniano (a seguito della guerra d’Etiopia) - italianizza il nome del locale che, pertanto, si trasforma in cinema Palazzo.
Tra le pellicole proiettate in questa fase ricordiamo
nel 1939
Un marito scomparso (Christian-Jaque, 1936), L’incantesimo (Cukor, 1938) in doppia programmazione con Un grande amore di Beethoven (Gance, 1936); L’ultima modella (Van Der Noss, 1937) in doppia programmazione con L’uomo del giorno (Duvivier, 1936)
Katia (M. Tourneur, 1938) nel 1942
nel 1943
Amanti (Bernard, 1935), L’ombra dell’altra (W. Forst, 1937), La riva del destino (G. Lumprecht, 1939), Il giro del mondo (Cammage, 1939), Femmina del fiume (G. von Bolvary, 1939) La bisbetica domata (F. Poggioli, 1942), Noi vivi e Addio Kira (Alessandrini, 1942), La maestrina (G. Bianchi, 1942), Avanti c’è posto (Bonnard, 1942)
Dall’autunno del 1943 si perdono le tracce della sala, quasi certamente – considerata la vicinanza con la Stazione Centrale (bersaglio strategico dell’aviazione alleata) – danneggiata dai bombardamenti aerei.

Il 17 febbraio 1945, nonostante la città sia allo stremo, al civico 5 di via Fabio Filzi riprende l’attività della sala, ora completamente rinnovata, col nome di cinema teatro Diamante. Il locale viene inaugurato con alcuni spettacoli teatrali - in particolare Papà Lebonnard (Jean Aicard, 1889; a cura della compagia di Manlio Mannozzi) nei giorni 17/21 febbraio - mentre l’attività cinematografica inizia il successivo 1 marzo.
Si tratta di una sala rionale da 800 posti dotata di platea e galleria, con proiettori Fedi semiautomatici.
La programmazione - a partire dall’immediato dopoguerra, fino a metà anni cinquanta -  abbina proiezioni cinematografiche a spettacoli di rivista. In questi anni le pellicole, con alcune eccezioni, sono prevalentemente commedie o drammi popolari; il cinema si colloca tra le terze visioni.
Intorno al 1954 viene abbandonato l’abbinamento alla rivista e anche la qualità della programmazione migliora, con un massiccio inserimento di pellicole hollywoodiane. La gestione della sala mantiene comunque la formula del doppio spettacolo, anche se in maniera più occasionale e articolata diversamente: l’abbinamento è la proiezione di un film con la diretta di una partita di calcio o di un programma televisivo di grande richiamo. Ad esempio, il 26 aprile 1956 è in cartellone il film Una tigre in cielo (Douglas, 1955) seguito alle 21 dalla trasmissione televisiva Lascia o raddoppia.
A partire dalla fine del 1955 e per i successivi due anni, la gestione del Diamante segue anche il cinema Splendor e le due sale spesso programmano in contemporanea lo stesso film; tra i titoli in contemporanea, ricordiamo: Padri e figli, La sposa troppo bella, Il sole sorgerà ancora. La sala è sempre classificata tra le terze visioni.
Nel 1967 la sala viene promossa tra le seconde visioni e la qualità della programmazione migliora sensibilmente, ospitando anche film d’autore (Petri, Damiani, Argento, Russell, Renoir, Schlesinger, perfino Chaplin) che all’epoca riscuotevano un notevole successo commerciale; sul finire del 1971 il Diamante viene sottoposto a una mini-ristrutturazione (rinnovo schermo e poltrone) e alla riapertura il locale viene promosso come “nuovo cinema Diamante”; in seguito il locale passa nei proseguimenti prime visioni, per arrivare nell’autunno del 1974 ad essere classificato tra le prime visioni. In questa fase tuttavia la qualità media dei film è decisamente modesta: le prime visioni ospitate dal locale di via Filzi sono infatti pellicole di seconda scelta.
Tra le pellicole più interessanti ospitate al cinema Diamante , ricordiamo: Il figlio conteso (Ludwig, 1935) e L’inferno del jazz (Murphy, 1937) nel 1945, La primula Smith (di e con Lesile Howard, 1941) nel 1946, La conquista del West (De Mille, 1936 con Gary Cooper) nel 1947, L’adultera (Coletti, 1945) e Lo sterminatore (Max  Nosseck alias Alexander Norris Alexander, 1945) nel 1948, Uomini e topi (Milestone, 1939) nel 1949, Sherlock Holmes (Neill, 1944) nel 1950, Sola col mio peccato (Rabenalt, 1949) nel 1951, L’uccello del Paradiso (Daves, 1951), Sansone e Dalila (De Mille, 1949) e Damasco ’25 (Bernhardt, 1951 con Humphrey Bogart) nel 1952, Totò a colori (Steno, 1952) nel 1953,
nel 1954:
Il mostro della laguna nera (Arnold, 1954), Sarabanda tragica (Dearden, 1948) e Il mago Houdini (Marshall, 1953 con Tony Curtis)
nel 1955:
Terra lontana (Mann, 1954 con James Stewart), Prigionieri del cielo (Wellman, 1954 con John Wayne), Don Camillo e l’onorevole Peppone (Gallone, 1955),
nel 1956:
La lunga linea grigia (Ford, 1955), Il tetto (De Sica, 1956), Eliana e gli uomini (Renoir, 1956)
nel 1957:
 Padri e figli (Monicelli, 1957), La sposa troppo bella (Gaspard-Huit, 1956 con Brigitte Bardot), Il sole sorgerà ancora (King,1957),
La parete di fango (Kramer, 1958), Storia di una monaca (Zinnemann, 1959; con Audrey Hepburn), A qualcuno piace caldo (Wilder, 1959) nel 1960,
nel 1961:
La ciociara (De Sica, 1960), Vincitori e vinti (Kramer, 1961), Rocco e i suoi fratelli (Visconti, 1960), Psyco (Hitchcock, 1960), Tototruffa 62 (Mastrocinque, 1961)
Ponte di comando (Gilbert, 1962), Una storia milanese (E. Visconti, 1962), Biancaneve e i sette nani (Hand, 1937), Il giorno più lungo (Annakin, Marton e Wicki, 1962), Le quattro giornate di Napoli (Loy, 1962) nel 1963, Alle donne ci penso io (Yorkin, 1963; con Frank Sinatra), Che fine ha fatto Totò Baby? (Alessi, 1964) e Per un pugno di dollari (Leone, 1964), Il circo e la sua grande avventura (Hathaway, 1964) e Week-end a Zuydcoote (Verneuil, 1964) nel 1965,
nel 1966:
La pattuglia invisibile/Gli eroi del Pacifico (Dmytryk, 1945), Adulterio all'italiana (Festa Campanile, 1966), Rita la zanzara (Wertmüller, 1966) e I bucanieri (Quinn, 1958)
Le 4 giornate di Napoli (Loy, 1962) e I professionisti (Brooks, 1966) nel 1967, La valle delle bambole (Robson, 1967) nel 1968, I due pompieri (Corbucci, 1968), La ragazza con la pistola (Monicelli, 1968 con Monica Vitti) nel 1969, Metti una sera a cena (Patroni Griffi, 1969)
nel 1970:
Nell’anno del Signore (Magni, 1969), La prigioniera (Clouzot, 1968), La tenda rossa (Kalatozov, 1969), Nell’anno del Signore (Magni, 1969), I girasoli (De Sica, 1970), Katmandou (Cayatte, 1970), Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (Petri, 1970), Metello (Bolognini, 1970) e Mio zio Beniamino (Molinaro, 1970)
nel 1971:
Il gatto a nove code
(Argento, 1970), La coda dello scorpione (S. Martino, 1971), Un’anguilla da 300 milioni (Samperi, 1970),  L’armata degli eroi (Melville, 1970), Colpo rovente (Zuffi, 1970), Confessione di un commissario di polizia a un procuratore della repubblica (Damiani, 1971)
nel 1972:
Luci della città
(Chaplin, 1931), Tempi moderni (Chaplin, 1936), Crisantemi per un delitto (Remopir, 1964), Donne in amore (Russell, 1969), Messaggero d’amore (Losey, 1970), Domenica, maledetta domenica (Schlesinger, 1971), Cane di paglia (Peckinpah, 1972), Er Più: storia d'amore e di coltello (S. Corbucci, 1971), Don Camillo e i giovani d’oggi (Camerini, 1972), Senza famiglia. Nullatenenti cercano affetto (Gassman, 1972), Cabaret (Fosse, 1972), In nome del popolo italiano (D. Risi, 1972) e Girolimoni il mostro di Roma (Damiani (1972)
Giochi d’amore di un’aristocratica (Lemoine, 1973), Giovannona coscialunga, disonorata con onore (Martino, 1973),
nel 1974:
Fiore di carne (Verhoeven, 1973), Nuova Guinea: l’isola dei cannibali (Ide, 1974) in prima visione, Il bacio di una morta (Infascelli, 1974)
nel 1975:
La bolognese (Rizzo, 1975), Vieni, vieni amore mio (Caprioli, 1975), Le dolci zie (Imperoli, 1975), Quella età maliziosa (Amadio, 1975)
nel 1976:
Il compromesso erotico (Bergonzelli, 1976), La padrona è servita (Lanfranchi, 1976), La campagnola bella (Luca Delli Azzeri alias Mario  Siciliano, 1976), Atti impuri all’italiana (O. Brazzi, 1976)
Fraulein Kitty (Rumme, 1977), Disposta a tutto (Stegani, 1977; con Eleonora Giorgi).
A partire dalla metà degli anni settanta, la programmazione del Diamante si orienta sempre più verso pellicole di genere erotico: dapprima commedie o drammi erotici, per poi passare a film decisamente più espliciti, preludio del successivo passaggio a luce rossa.
Insieme al Majestic, il cinema di via Filzi può essere considerato una sala milanese a luce rossa “ante litteram”, anche se si differenzia dagli altri locali del genere per le modalità di gestione:  la sala - gestita fin dai primi anni settanta dall’Italcine di Raffaele Guadagno (Maestoso, President, Tonale, Eliseo) - pur proiettando film erotici, mantiene i controlli in sala e il visto di censura, caso più unico che raro. Tuttavia, sul finire del decennio la richiesta del mercato si orienta per film sempre più spinti e il genere erotico/porno soft risulta ormai inadeguato. L’Italcine non intende però percorrere questa strada e nel 1980 il Diamante viene ceduto ad altra gestione che opta per la definitiva conversione a luce rossa. In breve tempo il cinema acquista la fama di essere una delle sale milanesi che proietta i film più spinti, con una particolare specializzazione per le pellicole di genere "animal".  Il locale - che fino a questo momento aveva mantenuto un certo decoro nel suo genere - peggiora, per diventare dai primi anni novanta luogo di incontri e di prostituzione maschile.
Nel 1983 l’introduzione delle nuove norme di sicurezza, in seguito all’incendio del cinema Statuto di Torino, impatta pesantemente su molte sale milanesi; alcune cessano l’attività, altre chiudono per un certo periodo, per far fronte agli investimenti infrastrutturali necessari (modifica uscite di sicurezza e/o riduzione della capienza). Il Diamante è tra queste ultime e resta chiuso per alcuni mesi nel 1984.
La notorietà della sala e la peculiarità della programmazione, consentono al Diamante di ottenere significativi risultati commerciali lungo tutti gli anni ottanta: si tratta di un cinema piuttosto frequentato, dotato di un ampio pubblico fidelizzato, al punto che nella stagione cinematografica 1986-87 (dal 1 settembre 1986 al 31 maggio 1987), la sala si piazza al 37° posto nella classifica degli incassi lordi delle 78 sale della piazza di Milano, con un importo pari a 371.911.000 lire, davanti a sale quali Orchidea e le sale 6, 7 e 8 della centralissima Multisala Odeon; l’incidenza dei giorni feriali sull’incasso è del 58,07%, la più alta in assoluto tra i primi 45 cinema di Milano. Tuttavia questo non deve indurre a pensare che il Diamante sia più frequentato nei giorni feriali rispetto ai festivi: fatti i dovuti calcoli, si nota che, mentre l’incasso medio di un giorno feriale è pari a 862.834 lire, quello dei giorni festivi è pari a 1.358.284 lire.
Tra i titoli del periodo erotico: Innocenza erotica (Graver), La calda bestia (Bourriquet) e Rotte a tutte le esperienze (G. Maria) nel 1977.
Tra i titoli del periodo a luce rossa: Superporno girls in un college svedese (Dietrich, 1979) nel 1980, Le porno cameriere (Billiant) nel 1981, Fanny la calda matrigna e Funny sexy girls nel 1984, Caraibi sapore di sesso nel 1988, Provocazione (Vivarelli, 1988, con Moana Pozzi) e La signora e la bestia nel 1989, Tutte le perversioni di Moana (con Moana Pozzi) nel 1990, Mani tra le gambe nel 1996 e Joy perversa trilogia sessuale nel 1997.
Nel 2002 il cinema viene chiuso su intervento della magistratura, dopo che le forze dell’ordine – in seguito ad un sopralluogo in orario di proiezione - scoprono un giro di prostituzione con ragazzi dell’Europa orientale. Dopo questo episodio, il locale non riapre più e poco tempo dopo vengono avviati i lavori di riconversione dello stabile.
Nello spazio dell’ex-cinema oggi c’è un negozio di abbigliamento.

 

Manifesti tipografici del cinema Palace: (fonte: Cineteca Italiana –  www.lombardiabeniculturali.it)
nel 1928
Il ballerino di mia moglie – set                                                               
immagine
nel 1929
Crisi – mag                                                                                            
immagine
Notte di capodanno a New York – set                                                    
immagine
1931
Venere moderna – gen                                                                          
immagine
La città canora – apr                                                                            
immagine

Vista aerea di via Filzi nel 1958 (per gentile concessione di Marco Ferrari)
Si vedono gli stabili del Pellico e del Diamante                                            
foto

Il cinema Diamante negli anni novanta
L’ingresso                                                                                               foto*
L’insegna a luce rossa
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                           foto*
La polizia sequestra un film
(archivio Corriere della Serai)                                   foto

L’ex cinema Diamante nel maggio 2008:
La facciata e l’ingresso                                                                           foto 1foto 2
Lo stabile verso la Stazione Centrale                                                         
foto
Lo stabile verso piazza Repubblica                                                            
foto

L’ex cinema Diamante nell’aprile 2010:
La facciata e l’ingresso                                                                           foto
Lo stabile verso la Stazione Centrale                                                         
foto
Lo stabile verso piazza Repubblica                                                            
foto

Vista aerea dell’ex cinema Diamante (e dell’ex cinema Pellico) nel 2010
Nonostante la ristrutturazione, è ancora visibile lo spazio occupato dal locale 
foto

Annunci pubblicitari su quotidiani:
La primula Smith abbinato a rivista e a documentario sulla fine di Mussolini e Petacci
tamb. 26 mag. 1946                                                                                  
immagine
Terra lontana   – tamb. 5 mar. 1955                                                      
immagine
Il tetto -
in contemporanea con lo Splendor –tamb. 1 dic. 1956                             immagine
A qualcuno piace caldo – tamb. 4 mar 1960                                          
immagine
Alle donne ci penso io – 29 nov. 1963                                                  
immagine
I due pompieri - 22 nov 68                                                                      
immagine
Patton generale d’acciaio
in contemp.con Augusteo, Nazionale e X Cine - 1971  immagine
Giovannona coscialunga, disonorata con onore - mag 1973                   
immagine
Donne sopra femmine sotto (Draskovic, 1971) - 20 ott. 1973
(per gentile concess. di Willy Salveghi)                                                                 immagine
Il bacio di una morta
in contemporanea con La Fenice - 7 apr. 1974
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                             immagine
Quella età maliziosa – 29 mar. 1975                                                        
immagine
Le dolci zie – 2 dic. 1975                                                                      
immagine
La bolognese – dic 1975                                                                       
immagine
La padrona è servita – 13 mar. 1976                                                     
immagine
Atti impuri all’italiana nov. 1976                                                      
immagine
Fraulein Kitty - 1 apr. 1977                                                                     
immagine
Rotte a tutte le esperienze (G. Maria) - 23 nov. 1977                                
immagine
Immagini d’amore (Efstradiatis, 1970) – 3 set. 1978
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                            immagine

Biglietti del cinema
                 1996
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                  immagine

Mappa di Milano (via Filzi)
Posizione del cinema                                                                                
immagine

Si ringrazia Willy Salveghi per la collaborazione e il materiale fornito

* l’asterisco segnala foto o materiale di particolare interesse

scheda creata nell’apr.2011; ultimo aggiornamento: dic. 2014

 

 

si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito (spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte