cinema Diana

dal film Gli uomini, che mascalzoni! (1932) 

L’attuale edificio dell’hotel Diana viene realizzato nel 1908. Gli autori si ispirano sia al Liberty, sia al prevalente stile eclettico.
Nella sala principale si trova uno spazio teatrale adibito principalmente alla rappresentazione di operette. Saltuariamente la sala, denominata Kursaal Diana, ospita eventi cinemaotografici (vedi foto del biglietto d’invito del 1914).
Il Diana diviene tristemente noto a livello nazionale per il sanguinoso attentato, di probabile matrice anarchica, che causa una ventina di morti e almeno ottanta feriti il 23 marzo 1921, durante una replica de La mazurca blu di Franz Lehar.
Intorno al 1925 il teatro Diana si trasforma nel cinema Diana (ben 2000 posti). Come tale opera dagli anni trenta come sala di seconda visione. La sala è già attrezzata per il sonoro nell’autunno 1929.
Tra gli anni '30 e '40 la gestione è controllata da Tito Lucca (Colosseo, Eliseo e Zenit negli anni '50), in seguito subentra Angelo Corridoni (Eden e Piccolo Eden).
I bombardamenti alleati del 13 agosto 1943 danneggiano gravemente la sala che, in seguito, rimane chiusa fino alla seconda metà del 1945. Alla ripresa dell’attività, nel dopoguerra, il Diana si colloca tra le poche sale di prima visione (non arrivavano a dieci), ma già nel 1949 ritorna a far parte delle seconde visioni.
Il cinema ritorna a far parte delle prime visioni nei periodi 1973-79 e 1984-89. Va rimarcato che la qualità della programmazione, abbastanza attenta al cinema di buona fattura negli anni cinquanta e sessanta, conosce un notevole calo nei decenni successivi ossia in quelle fasi in cui il locale entra a far parte del circuito più importante dell’offerta cinematografica.
Il cinema d’arte vi fa qualche fuggevole comparsa al Diana, quasi sempre in corrispondenza di prodotti sostenuti da un corposo lancio pubblicitario: rileviamo le presenze di Tempi moderni, M Il mostro di Dusseldorf, Roma e Novecento.
Tra le pellicole più rilevanti, ospitate nella sala, ricordiamo
nel 1927:
La carne e il diavolo (C. Brown, 1926), Mister Wu (Nigh, 1927)
nel 1928:
Tua moglie ad ogni costo (Leonard, 1927)
nel 1929
Ombre bianche (t. or. White Shadows in the South Seas, Van Dyke, 1928), Il Krassin e il salvataggio della spedizione Nobile (G. Vasiliev, 1928) e Che scandalo quella donnina... (t.o. Skandal in Baden Baden, E. Waschneck, 1928)
La serpe di Zanzibar (Browning, 1928 con Lon Chaney) e L’asfalto (May, 1929) nel 1930, Muraglie (Parrott, 1931; con Stanlio e Ollio) nel 1932, La ragazza dal livido azzurro (Emo, 1933) nel 1934, Il velo dipinto (Boleslawski, 1934; con Greta Garbo) nel 1935, Aldebaran (Blasetti, 1935) nel 1936, Il fu Mattia Pascal (Chenal, 1937) nel 1937
nel 1938:
Partire (Palermi, 1938; con V. De Sica), Le perle della corona (Christian-Jacque 1937) e Olimpia (Riefensthal, 1938)
Batticuore (Camerini, 1939) e Il bandito della casbah (Duvivier, 1936) nel 1939, Un’avventura di Salvator Rosa (Blasetti, 1940) e Verso la vita (Renoir, 1936) nel 1940, Scarpe grosse (Falconi, 1940) nel 1941
nel 1942:
I mariti (Mastrocinque, 1941), Violette nei capelli (Bragaglia, 1942) e La cena delle beffe (Blasetti, 1942)
Fuga a due voci (Bragaglia, 1943) nel mag. 1943
Follia (Van Dyke II, 1941) nel nov. 1945, Le miserie del signor Travet (Soldati, 1945) nel 1946, I gangsters (Siodmak, 1946) e Tra le tue braccia (Lubitsch, 1946) nel 1947, In nome della legge (Germi, 1949),  Riso amaro (De Santis, 1949), Gli amanti della città sepolta (Walsh, 1950), L’inafferrabile 12 (Mattoli, 1950), Giungla d’asfalto (Huston, 1950) e Io ti salverò (Hitchcock, 1945) nel 1951, Tre storie proibite (Genina, 1952), La regina d’Africa (Huston, 1951) nel 1952,
nel 1953:
Moulin Rouge (Huston, 1952), Il più comico spettacolo del mondo (Mattoli, 1953) e Wanda la peccatrice (Coletti, 1952)
nel 1954:
La maschera di cera (De Toth, 1953), Maddalena (Genina, 1954), La romana (Zampa, 1954), Ulisse (Camerini, 1954) e Villa Borghese (Franciolini 1953)
nel 1955:
Peccato che sia una canaglia (Blasetti, 1954), L’ultima volta che vidi Parigi (R. Brooks, 1954) e Le avventure di Giacomo Casanova (Steno, 1955)
Tempo d’estate (Lean, 1955) e Tempi moderni (Chaplin, 1936; ried.) nel 1956, Quel treno per Yuma (D. Daves, 1957), Guerra e pace (Vidor, 1955) nel 1957, Sorrisi di una notte d’estate (Bergman, 1955) nel 1958, I soliti ignoti (Monicelli, 1958) nel 1959, A qualcuno piace caldo (Wilder, 1959)
nel 1960:
Genitori in blue jeans (Mastrocinque, 1959), M il mostro di Dusseldorf (Lang, 1931) e Operazione sotoveste (Edwards, 1959)
Sabato sera, domenica mattina (Reisz, 1960) nel 1961,
nel 1962:
La banda Casaroli (Vancini, 1962), I sequestarti di Altona (De Sica, 1962), Il medico delle donne (Girolami, 1962),
I cinque volti dell’assassino (Huston, 1963) e Colpo grosso al casinò (Verneuil, 1963) nel 1963,
nel 1964:
Sedotta e abbandonata (Germi, 1964), Maigret e i gangster (Grangier, 1963; con Jean Gabin), Italiani brava gente (De Santis, 1964), 100.000 dollari al sole (Verneuil, 1964), Il treno (Frankenheimer, 1964), Il magnifico cornuto (Pietrangeli, 1964), Sedotti e bidonati (G. Bianchi, 1964)
nel 1965:
Questo pazzo. pazzo, pazzo, pazzo mondo (Kramer, 1963), L’ape regina (Ferreri, 1963) e Il compagno Don Camillo (Comencini, 1965)
nel 1966:
Io, io, io... e gli altri (Blasetti, 1966), Il papavero è anche un fiore (Young, 1966), La spia che venne dal freddo (Ritt, 1965)
nel 1967:
Incompreso (Comencini, 1966), La donna di sabbia (Teshigahara, 1964) e L’immorale (Germi, 1967),
Via dalla pazza folla (Schlesinger, 1967) e Inchiesta pericolosa (Douglas, 1967; con Frank Sinatra) nel 1968, Dove osano le aquile (Hutton, 1968) e I lunghi giorni delle aquile (Hamilton, 1969) nel 1969
nel 1970
Temps des loups, tempo di violenza (Gobbi, 1969), Splendori e miserie di Madame Royale (Caprioli, 1969) e L’altra faccia del pianeta delle scimmie (Post, 1969), Uomini e cobra (Mankiewicz, 1970), …E venne il giorno dei limoni neri (C. Bazzoni, 1970)
nel 1971
Il piccolo grande uomo (Penn, 1970), Topkapi (Dassin, 1964), L’uomo dalle due ombre (Young, 1970), Una farfalla con le ali insaguinate (Tessari, 1971)
nel 1972:
Roma (Fellini, 1972), La corsa della lepre attraverso i campi (Clement, 1972), Bello, onesto, emigrato Australia... (Zampa, 1971)
Gli eroi di Telemark (A. Mann, 1965) nel 1973,
nel 1974:
Il merlo maschio (Festa Campanile, 1971), Il bestione (S. Corbucci, 1974; tiene cartellone per un mese) e Innocenza e turbamento (Dallamano, 1974)
Il circo di Tati (Tati, 1974) nel 1975
nel 1976:
Novecento atto I
(Bertolucci, 1976), I racconti immorali di Borowczyk (1974), Bruciati da cocente passione (Capitani, 1976), Vizi privati, pubbliche virtù (Jancsò, 1976) e I senza nome (Melville, 1970),
Il mostro (Zampa, 1977), California (M. Lupo, 1977) nel 1980, Frankenstein junior (M. Brooks, 1973) nel 1982, War Games (Badham, 1983), Strade di fuoco (Hill, 1984)
nel 1987:
52: gioca o muori (Frankenheimer, 1986), Predator (McTiernan, 1987), Appuntamento al buio (Edwards, 1987) e Regina (Piscicelli, 1987)
Io e mia sorella (Verdone, 1987) nel 1988, Scommessa con la morte (Van Horn, 1988) nel 1989
In quest'ultimo periodo la galleria viene chiusa al pubblico e la cabina viene dotata di macchine Cinemeccanica automatiche.
L’attività di programmazione cinematografica termina il 14 maggio 1989. Ultimo film programmato: Provocazione carnale (L. Grosso, 1987).
Lo spazio del locale viene inglobato nell’omonimo hotel.
Nel 2001 l’ex sala teatrale e cinematografica viene riconvertita in spazio per sfilate di moda.

 

Il teatro Diana all’inizio del Novecento                                                           foto
Ingresso                                                                                                            
foto

Il teatro Diana intorno al 1908 (per gentile concessione di Raffaele Fioretto)                 foto

Il teatro Diana intorno al 1910
si rappresenta l’operetta  La piccola Lola (1908)di Heinrich Reinhardt                   foto*
dettaglio dela cartolina                                                                                          
foto
Un’altra immagine del teatro nello stesso periodo                                                 
foto
L’ingresso                                                                                                          
foto
Piazza Oberdan e teatro Diana nell sfondo                                                           
foto
L’interno del teatro                                                                                              
foto

La strage del 23 marzo 1921 – L’interno devastato                                         foto

Il cinema Diana nel 1932
dal film Gli uomini, che mascalzoni! (Camerini)                                                    foto*

La sala nel 1937 (per gentile concessione di Stefano Petrella)                                                          foto*

Il cinema Diana nel 1941 (per gentile concessione di Willy Salveghi)                                          foto*

Il cinema Diana nel 1954
In programmazione c’è il film FBI Divisione criminale (F. Borderie, 1953)              foto 1 - foto 2*

Il cinema Diana nel 1962
In programmazione c’è il film italiano La banda Casaroli (F. Vancini)                    foto*

Il cinema Diana intorno al 1980                                                                      foto

Il cinema Diana intorno al 1985 (per gentile concessione di Marco Ferrari)                          foto

Vista aerea del’ex cinema Diana nel 2010                                                       foto

Articolo sulla chiusura dei cinema Diana ed Eolo (per gentile conces. di Marco Ferrari)
Corriere della Sera – 20 maggio 1989                                                                     immagine

Medesimo spazio urbano nell’ottobre 2007
Visione generale                                                                                                   foto 1foto 2
Visione frontale                                                                                                  
foto

Manifesti del cinema Diana: (fonte: Cineteca Italiana – www.lombardiabeniculturali.it)
1929
Ombre bianche – 28/30 gen                                                                                
immagine
Che scandalo quella donnina...                                                                          
immagine

Invito ad un evento cinematografico del 1914 (per gentile conces. di Willy Salveghi)    immagine

Libretto pubblicitario del 1929 (per gentile concessione di Willy Salveghi)
Il Krassin e il salvataggio della spedizione Nobile (12 pagine)                            immagine*

Annunci pubblicitari su quotidiani
L’inafferrabile 12 – 17 set. 1950                                                                        immagine
Tropico di notte (Russo) – 30 nov. 1961                                                              
immagine
Il medico delle donne – 30 mar. 1962                                                                 
immagine
Italiani brava gente - 30 ott. 1964                                                                       
immagine
Sedotti e bidonati - 11 nov. 1964                                                                         
immagine
I lunghi giorni delle aquile – 13 dic 1969                                                            
immagne
…E venne il giorno dei limoni neri – mag. 1970                                                  
immagine
La corsa della lepre attraverso i campi – ott. 1972                                              
immagine

Scontri tra polizia e ultrà di sinistra - 1 nov 1976
Autoriduzione per il film Novecento - dal Corriere della Sera                                   immagine*

Biglietti del cinema
             1948 (per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                   immagine*
             1975ca
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                 immagine
             1982
                                                                                                      immagine

Mappa di Milano (corso Buenos Aires)
Posizione del cinema                                                                                          
immagine

si ringrazia Wily Salveghi per le informazioni fornite

* l’asterisco segnala immagini o documenti di particolare interesse

scheda creata nell’ott. 2007; ultimo aggiorn. ago 2013

 

 

si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito (spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte