cinema Fossati

il cinema negli anni sessanta

Il Fossati, situato in corso Garibaldi n. 15, sorge negli spazi di un teatro popolare inaugurato il 24 aprile 1859 (il nome è quello del suo fondatore, l’industriale Carlo Fossati); per l’occasione si mette in scena il dramma La colpa vendica la colpa di Paolo Giacometti.  Possedeva tre ordini di logge e conteneva fino a 1000 spettatori. Le statue di Garibaldi e di Anita, che ornano la facciata, vengono aggiunte più tardi – negli anni settanta - quando la strada su cui prospettano prende il nome di corso Garibaldi. Il locale propone spettacoli di ogni genere, dalla commedia dialettale all’operetta, dal dramma in prosa al melodramma. Con il passaggio nel 1904 alla gestione della Società Suvini &Zerboni, molto attenta all’editoria musicale, il teatro accentua il proprio interesse per riviste e teatro lirico.
Il locale opera come cineteatro a partire dalla metà degli anni dieci.
Un curioso articolo del gennaio 1939 ci informa che la polizia ha sorpreso numerosi spettatori che fumavano nel locale, ha elevato contravvenzioni e disposto la chiusura del cinema per tre giorni (vedi articolo). Durante il fascismo, quindi, era proibito fumare nelle sale: si tratta di un divieto decisamente poco noto, largamente disatteso e peraltro non presente sui manifesti tipografici dell’epoca. Nel dopoguerra, come noto, tornerà la libertà di fumare nelle sale fino alle nuove e benvenute disposizioni di legge del novembre 1975.
Nel dopoguerra l’attività di avanspettacolo si dirada e il cinema si colloca tra quelli di terza visione. Tra le pellicole significative, presenti nella programmazione, si notano Argento vivo (con Fred Thompson) e Il demone dell’Alaska (t.o. The Men from Hell’s River, I. Cummings, 1922) nel 1927, Allegro fante (t.o. The Better ‘Ole, C. Reisner 1926, con Sidney Chaplin) nel 1929, Caballero (t.o. The Gay defender, G. La Cava 1927), Gli arditi del mare (t.o. Hell Below; J. Conway, 1933) nel 1934, 6 matti a bordo (t.o. Alf's Button Afloat; M. Varnel, 1938, con The Crazy Gang: Bud Flanagan, Chesney Allen, Jimmy Nervo, Teddy Knox, Charlie Naughton e Jimmy Gold) nel 1940,  Rebecca la prima moglie (Hitchcock, 1940) nel 1942, Il bandito (Lattuada, 1946) nel 1947, Le avventure di Oliver Twist (Lean, 1948), Anni difficili (Zampa, 1948) e Proibito rubare (Comencini, 1948) nel 1949, Riso amaro (De Santis, 1949), La tratta delle bianche (Comencini, 1952), La signora senza camelie (Antonioni, 1953) nel 1953, La valle dell’Eden (1955), Un cappello pieno di pioggia (Zinnemann, 1957), La parete di fango (Kramer, 1958), I soliti ignoti (Monicelli, 1958) nel 1959, Un dollaro d’onore (Hawks, 1959), La banda Casaroli (Vancini, 1962), La collezionista (Rohmer, 1967), Il laureato (Nichols, 1967) e La bambolona (Giraldi, 1968) nel 1969 e Indagine di un cittadino al di sopra di ogni sospetto (Petri, 1969) nel 1972.
La sala chiude nel 1976.
Nel 1987 il locale – dopo lunghi lavori di ristrutturazione (a partire dal 1984, progettista l’architetto Marco Zanuso) – si trasforma nel Teatro Studio del Piccolo Teatro, sorta di avamposto in zona Garibaldi in attesa del completamento degli interminabili lavori (conclusi nel 1998) destinati a creare la nuova sede del Piccolo, oggi teatro Strehler.

 

Il cinema Fossati negli anni sessanta   
Immagine generale                                                                                          foto
Ingresso                                                                                                      
foto

Il cinema Fossati negli anni settanta (su gentile segnalazione di Marco Ferrari)           foto

Il cinema Fossati nel 1971 (su gentile segnalazione di Davide Bassi)    
L’atrio. In programmazione Il clan dei due Borsalini (Orlandini)                    
foto

Il Teatro Studio nel dicembre 2007
Edificio in corso Garibaldi                                                                              foto 1foto 2
Ingresso su corso Garibaldi                                                                             
foto 1foto 2
La facciata su via Rivoli, contigua al teatro Strehler                                        
foto 1foto 2
Ingresso su via Rivoli                                                                                    
foto

Vista aerea dell’ex cinema Fossati nel 2010                                             foto

Manifesti del cinema Fossati: (fonte: Cineteca Italiana – www.lombardiabeniculturali.it)
1927
Argento vivo– 3-4 gen                                                                                 
immagine
1929
Allegro fante                                                                                                
immagine
1930
Caballero   – 8-9 mar                                                                                    
immagine
1934
Arditi del mare - 2 giu                                                                                 
immagine
1940
6 matti a bordo                                                                                          
immagine

Divieto di fumo negli anni trenta (per gentile concessione di Willy Salveghi)
Articolo del Corriere della Sera - 8 gen. 1939                                                  immagine

Mappa di Milano (centro nord)
Posizione del cinema                                                                                    
immagine

si ringrazia Willy Salveghi per il materiale fornito