cinema Garden

il cinema nell'ottobre 2009

testo scritto da Marco Ferrari e Willy Salveghi

In via Durazzo 5, non lontano da via Rombon, (zona Feltre, dietro la Stazione di Lambrate), negli ultimi mesi del 1975 inizia l’attività il cinema Garden. Si tratta di una sala periferica sotterranea, collocata in un edificio condominiale, con un ingresso sotto un porticato. L'ingresso principale invece si trova su un piccolo spiazzo: due porte a vetri danno su un minuscolo atrio con al centro la cassa, sulla destra una scala discendente porta ad un piano interrato dove si trova la sala con 650 posti, dotata di sola platea. Il nome Garden ("giardino"), piuttosto comune e abusato da cinema di tutto il mondo, è probabilmente ispirato dai vicini giardinetti che si estendono per tutta la lunga via Maniago fino a Piazza Udine.
E’ uno dei cinema più giovani di Milano e rappresenta - insieme all’Adria Rugabella (*)  che apre nell’aprile 1976 - la terzultima apertura di una monosala (l’ultima fu il President (*) agli inizi del 1977) fatta in città.
Il Garden si colloca inizialmente tra i proseguimenti di prima visione, per poi passare alle seconde visioni (riclassificate come “cinema di zona”) nel 1977. Nonostante la posizione decisamente decentrata, la sala riesce ad ottenere una buona programmazione; a tal proposito, da segnalare, nel novembre 1975, che il film in cartellone Frankenstein junior passerà soltanto a gennaio al ben più centrale cinema XXII Marzo.
Dopo soli tre anni il cinema chiude per un breve periodo, probabilmente per lavori di ristrutturazione e messa a norma.
Il Garden è l'ultima sala aperta dalla società Cineconsult del sig. Ortalli (Alhambra, Zodiaco, Ambra, Astor, Cavour, Corallo di Sesto e altri) e in questa nuova veste viene inaugurata nel 1979 con il film Gruppo di famiglia in un interno (L.Visconti, 1974).
La cabina è dotata di proiettori Fedi manuali, macchine provenienti dal cinema Cavour, che le aveva sostituite.
La programmazione della sala, collocabile tra la seconda e la terza visione, pur offrendo spesso film di qualità, evidentemente non porta a grandi incassi in un momento di piena crisi. Di conseguenza, la gestione cambia ancora. Per un breve periodo vengono programmati film musicali seguendo l’esempio del Giada, e nella sala di via Durazzo arrivano pellicole come Pink Floyd The Wall (A.Parker, 1982) o Tommy (K.Russell, 1975).
Tra i film proiettati al Garden ricordiamo: La gatta sul tetto che scotta (Brooks, 1958), Yuppi du (Celentano, 1975), Frankenstein junior (M.Brooks, 1974) e Perchè un assassinio (Pakula, 1974) nel 1975, Il poliziotto della brigata criminale (Verneuil, 1975), La pantera rosa colpisce ancora (Edwards, 1975, con Peter Sellers), Profondo rosso (Argento, 1975), L'isola sul tetto del mondo (Stevenson, 1974), Il vento e il leone (Milius, 1975), Marlowe il poliziotto privato (Richards, 1975 con Robert Mitchum), La terra dimenticata dal tempo (Connor, 1975), Safari Express (D.Tessari, 1976), Terremoto (Robson, 1974), La mantide omicida (Juran, 1957), Quattro mosche di velluto grigio (Argento, 1971) e Tutti possono arricchire... tranne i poveri (M.Severino, 1976) nel 1976, Il marito in collegio (M.Lucidi, 1977), Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto (V.Gassman, 1972) e Deviation (Larraz, 1975) nel 1977, MacArthur il generale ribelle (J.Sargent, 1977, con Gregory Peck), Il prestanome (M.Ritt, 1976), Goodbye & amen (D.Damiani, 1977), American graffiti (Lucas, 1973) e La bella addormentata nel bosco (W.Disney, 1959) nel 1978.
Nel 1980 , dopo un periodo di chiusura e un ulteriore probabile cambio di gestione, il Garden tenta di rilanciarsi nel segmento d’essai: viene inaugurato il Garden Hollywood Movie Dreams, sala specializzata in grandi pellicole hollywoodiane di tutti i tempi, i risultati purtroppo sono molto modesti, complici l’ubicazione molto decentrata della sala e la crescente concorrenza televisiva.
Già nel 1981 il Garden viene rilevato dall’Arcigay, insieme ad Ambra, Sempione, Zodiaco: si specializza in film di genere gay e cambia nome in Garden Gay Movie Club: prezzo del biglietto 3000 lire + 2000 lire per tessera annuale di associazione, obbligatoria. Il film d’esordio è Pink Narcissus (J. Bidgood, 1971). In un primo tempo la gestione punta ad una programmazione di pellicole su tematiche gay in generale, poi col tempo scivola verso il film hardcore e tale rimane fino ai giorni nostri (2011).
Nel 2005 il Garden chiude per ristrutturazione e riapre, rinnovato nel 2007 a cura della società Starcine International che ha sede allo stesso indirizzo. La programmazione è sempre a luce rossa e il cinema si chiama Garden Hard Movie, aperto tutto l’anno, tutti i giorni dalle 14:00 alle 24:00.
Nella sala sotterranea viene aperta anche una saletta dietro allo schermo che trasmette su monitor video gay, oltre ad una sala fumatori.
Tra i film proiettati al Garden Gay Movie Club ricordiamo: Sebastiane (D. Jarman e  P. Humfress, 1976) e Dimenticare Venezia (F.Brusati, 1979) nel 1981.
Infine, tra i titoli nel periodo a luce rossa, ricordiamo: Tutte le perversioni di Lolita e Le depravate soldatesse del primo plotone nel 1997, Spaghetti sex connection, The sex game, Le signore del quarto piano e Amori sotto coperta nel 2011.
Il cinema è attivo fino al settembre 2013 quando la sala viene posta sotto sequestro (insieme ai cinema Ambra e Sempione) dalla magistratura: l’accusa è favoreggiamento della prostituzione.
 

 

Il Cinema Garden nell'ottobre 2009 (per gentile concessione di Marco Ferrari)
L'ingresso                                                                                                     foto
L’insegna                                                                                                     
foto

Il Cinema Garden di notte nel dicembre 2009 
 
(per gentile concessione di Marco Ferrari)                                                                 foto

Il Cinema Garden nel marzo/agosto 2011 (per gentile concessione di Willy Salveghi)
L'ingresso                                                                                                       foto
Il condominio e l'ingresso su Via Durazzo                                                       
foto
La galleria laterale con il portamanifesti in disuso                                              
foto
L'entrata laterale nella galleria                                                                         
foto
L'insegna su Via Rombon                                                                               
foto
 L'insegna su Via Maniago                                                                             
foto
L'edificio verso Via Feltre                                                                               
foto
L'edificio verso Via Rombon                                                                           
foto

Annunci pubblicitari su internet
Riapertura cinema Garden e Ambra – nov. 2007
(per gentile concessione di Marco Ferrari)                                                                    immagine
Flano pubblicitario Garden Hard Movie  - 2007
(su gentile segnalazione di Marco Ferrari e Willy Salveghi)                                                 immagine

Biglietti del cinema (2011; per gentile concessione di Willy Salveghi)                         immagine                                                                                  

Mappa di Milano (Lambrate)
Posizione del cinema                                                                                      
immagine

scheda creata nell’ago 2011

 

 

Si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito
(spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte