cinema Massimo - cinema Magenta

manifesti del cinema del periodo 1920-35
i film in cartellone sono Aeroplano (G. De Liguoro, 1919)e La signora di tutti  (M. Ophuls, 1934)

testo scritto in collaborazione con Marco Ferrari

Intorno al 1915 al numero 23 di via Raffaello Sanzio, all’interno di una pregevole palazzina liberty, inizia l’attività il cinema teatro Massimo. Si tratta di una sala rionale di 800 posti, dotata di sola platea, con programmazione mista, sia cinematografica, sia teatrale. In genere il Massimo propone la doppia programmazione, abbinando pellicole cinematografiche a spettacoli di varietà.
La promozione del locale avviene mediante manifesti appesi sui muri del quartiere. Nella prima metà degli anni venti la gestione sceglie i colori del bianco, del rosso e del blu in omaggio alle bandiere dei paesi alleati all’Italia nel recente conflitto mondiale. Troviamo le stesse tinte nei manifesti di numerose altre sale come, ad esempio, il Franco Americano e il Savoia.
Negli anni venti, nella scelta delle pellicole prevalgono i titoli stranieri.
Tra i film ospitati al cinema Massimo ricordiamo:
nel 1920
La casa dell’odio (t.o. The House of Hate, G. Seitz 1918), Le lacrime del popolo (M. Roncoroni, 1918), Aquile umane (G. De Liguoro, 1919), I proscritti (t. or. The Outcasts of Poker Flat, J. Ford, 1919), Il sotterraneo fatale (D. Gambino, 1920)
nel 1921
Gli apache di Londra (t. or. El apache de Londres, J. Mestres, 1918), La cicala (G. Zorzi, 1919), La bambola e il gigante (E. Geymonat, 1920), Il re del circo (t.or. King of the Circus, J. McGowan 1920)
nel 1922
Giovanna d’Arco (U. Del Colle, 1913); Draga la principessa eroica (t.or. Konigin Draga, H. Lowenstein, 1920), Il mistero dell’asso di picche (M. Volpe, 1921)
nel 1924
La portatrice di pane (G. Vidali, 1916), I due mozzi (A. Mustacchi, 1920), Saltarello sfortunato; Saltarello e la casa incantata (t. or. Hard Luck; The Haunted House, B. Keaton, 1921),
Saetta e il club dei ciuffi (M. Roncoroni, 1921), Passione di popolo (G. Sterni, 1921), Ridolini alla segheria (t.o The Sawmill, L. Semon 1922), La nave dei miliardi (M. Guaita-Ausonia, 1922), Theonis, la donna dei faraoni (t.o. Das Weib des Pharao, E. Lubitsch, 1922), La fiamma dell'amore (t.o. Die Flamme, Lubitsch, 1923; con Pola Negri), Il giro del mondo in 18 giorni (t. o. Around the Worldin Eighteen Days, R. Eason 1923), Il forzato dell’amore (P. Trinchera, 1923), Il barcaiuolo di Amalfi (T. Ruggeri, 1924)
nel 1925
Lo sceriffo autoritario (t. or. Dead Shot Baker, W. Duncan 1917); L’isola del terrore (t.or Terror Island, J. Cruze 1920), Musotte (M. Corsi, 1920), Lo sceicco (t.or. The Sheik, G. Melford, 1921), Pietro il grande (t. or Peter der Grosse, D. Buchowetzki 1922) , La guida battagliera (t.o. The Fighting Guide, D. Clark 1922); Gli spettri della fattoria (M. Guaita-Ausonia, 1923), La battaglia (t.o. La bataille, S. Hajakawa 1924) 
nel 1926
Ai tempi del terrore o Madame DuBarry (E.Lubitsch, 1919); Satanella bionda (P. Trinchera, 1920)
nel 1931
Feudalismo (t.or. The Night of Love, G. Fitzmaurice, 1927) quest’ultimo seguito dal varietà Scorzetta de limon (il sabato) e La sposa del sur Tobiselli (la domenica);
Nel 1932, con l’avvento del sonoro, il cinema chiude per ristrutturazione; il Massimo riaprirà in corso San Gottardo (nel 1999 si trasformerà nell’Auditorium di Milano), mentre nella palazzina di via Sanzio viene inaugurato il Magenta.

Il nuovo cinema Magenta - dotato di impianto sonoro – apre nel 1935 e si caratterizza anch’esso come sala rionale, frequentata prevalentemente dagli abitanti del quartiere: nei primi anni d’attività la sua programmazione non è presente sui quotidiani milanesi e la promozione avviene attraverso l’affissione di manifesti nel quartiere stesso. In cartellone ci sono pellicole di terza visione, uscite diversi mesi prima e già passate in molte sale cittadine.
Il logo della sala, presente sui manifesti, è costituito dal disegno di un proiettore nero su sfondo rosso il cui fascio luminoso termina sullo schermo con la scritta "Cinema Magenta".
Nel 1938 la programmazione della sala inizia ad apparire nelle pagine degli spettacoli dei quotidiani milanesi, anche se il locale continua a promuovere la programmazione attraverso l’affissione di manifesti. Durante gli anni del conflitto bellico, essa si incentra su commedie popolari, italiane e tedesche.
Nel dopoguerra, il Magenta acquisisce una certa notorietà, tant’è che riesce spesso ad avere pellicole di seconda/terza visione prima di altre sale limitrofe: la gestione sfrutta questa opportunità, pubblicizzando queste pellicole come “prima visione di zona”.
A partire dal 1952 la sala inizia anche a farsi pubblicità sui quotidiani attraverso i tamburini.
Sempre all’inizio degli anni cinquanta, la programmazione del cinema a volte propone il doppio spettacolo, abbinando la proiezione di un film alla diretta di una partita di calcio. La proposta ottiene un grande successo nel quartiere, tant’è che nella prima metà del decennio il Magenta è una delle sale milanesi che più frequentemente hanno in cartellone anche appuntamenti calcistici. Ad esempio, il 19 dicembre 1952 è in cartellone il film I quattro cavalieri dell’Oklahoma (Nazarro, 1951) seguito dalla diretta della partita Lazio-Inter, mentre il 4 novembre 1953 è in cartellone Warpath - sentiero di guerra (Haskin, 1951) seguito dal derby Inter-Milan e il 25 dicembre dello stesso anno Il giuramento dei Sioux (Marshall, 1952 con Charlton Heston) seguito da ben due partite: Milan-Juventus e Novara-Inter
In questo periodo la programmazione predilige commedie e film drammatici; curiosamente, per una combinazione tra case distributrici e preferenze del pubblico, il Magenta ha molto spesso in cartellone film interpretati da Tyrone Power, attore principe del genere drammatico-popolare.
Negli anni cinquanta e sessanta il cinema è classificato tra le terze visioni, fatta salva una breve parentesi agli inizi del 1967, quando il locale passa tra le seconde visioni, per poi ritornare tra le terze visioni sul finire del 1968.
L’ubicazione della sala in un quartiere (all’epoca) estremamente popolare ne caratterizza anche il pubblico: il Magenta diventa il luogo di aggregazione preferito degli abitanti della zona; la sala è sempre avvolta dal fumo e il pavimento pieno di residui di natura varia (sembra che il cinema venisse allora soprannominato “Pidocchino”, per la scarsa pulizia e per la presenza frequente di lendini); a seconda dei giorni e delle fasce orarie, la platea è piena di ragazzini, militari, coppiette appartate nelle ultime file e, di domenica, soprattutto famiglie.
Nel 1972 avviene un cambio di gestione. Essendo mutate le abitudini cinematografiche, la nuova gestione ritiene opportuno rinnovare il locale e rilanciarne l’immagine: il Magenta chiude per circa un anno per una completa ristrutturazione e riapre come Nuovo Magenta. Per alcuni mesi mantiene tale dicitura sui flani, per poi ritornare a chiamarsi semplicemente Magenta.
La nuova gestione è della ditta Angione-Visaggio, che segue anche Atlas, Lux, Rialto e Jolly.
Il Nuovo Magenta viene classificato tra i proseguimenti prime visioni e migliora notevolmente la qualità delle pellicole poste in programmazione.
Sul finire del 1976, a fronte di una nuova riclassificazione delle sale cittadine, il Magenta viene annoverato tra i cinema di zona.
Tra le pellicole più interessanti ospitate al cinema Magenta, ricordiamo:
nel 1935
Rivalità eroica (t. or. Today We Live, H. Hawks 1933), Piccola mia (G. De Liguoro, 1933); Oceano (t.or. Below the Sea, A. Rogell, 1933), La signora di tutti (M. Ophuls, 1934); Il serpente a sonagli (R. Matarazzo, 1935)
nel 1936
Bombay Express (Marin, 1934), Lui e... l'altro (J.Parrott, 1933, con S.Laurel e O.Hardy), Carovane (E. Charell, 1934), La spia B 28 (K. Freund, 1934), Clò Clò (t.o. Die Ganze Welt dreht sich um Liebe, V. Tourjanski 1935), Sequoia (Franklin e Marin, 1935 - docum.), Gondola delle chimere (A. Genina, 1936)
nel 1938
La sonagliera della morte (t.o. Le juif polonais, J. Kemm 1931), La canzone di Magnolia (t.o. Shaw Boat, J. Whale, 1936), Alì Babà va in città (Butler, 1937) e La buona terra (Franklin, 1937 con Paul Muni) entrambi i film seguiti da un cartone animato di Topolino a colori
Assenza ingiustificata (Neufeld, 1939 con Amedeo Nazzari e Alida Valli) nel 1940, Kean (Brignone, 1940 con Rossano Brazzi) nel 1941, Un marito per il mese di aprile (Simonelli, 1940 con Arturo Bragaglia) e il famigerato Suss l'ebreo (V.Harlan, 1940) nel 1942, Ragazze da marito (Podmaniczky, 1941) e Le sorprese del vagone letto (Rosmini, 1939) nel 1943, Cantate con me (Brignone, 1940 con il tenore Giuseppe Lugo) nel 1944, Le adolescenti (Brauer, 1938), La vita è bella (Bragaglia, 1943) e Una magnifica avventura (Stevens, 1937 con Fred Astaire) nel 1945, La fidanzata di mio marito (Stahl, 1941) in “prima visione di zona” nel 1946, Suez (con Tyrone Power) e Casablanca (Curtiz, 1942 con Humphrey Bogart e Ingrid Bergman) nel 1947, Prigionieri del destino (Siodmak, 1947) e Il delitto di Giovanni Episcopo (Lattuada, 1947) nel 1948, La croce di fuoco (Ford, 1947) nel 1949, Incatenata (Ripley, 1946) nel 1950, I migliori anni della nostra vita (Wyler, 1946) e Dagli Appennini alle Ande (Quilici, 1950) nel 1951, L’uomo dell’Est (Hathaway, 1951 con Tyrone Power) e I figli dei moschettieri (Allen, 1952) abbinato al cinegiornale sulla vittoria di Fausto Coppi al Gran Premio del Mediterraneo, I quattro cavalieri dell’Oklahoma (Nazarro, 1951) seguito dalla diretta della partita Lazio-Inter  nel 1952, Don Lorenzo (Bragaglia, 1952 con Luciano Tajoli) in contemporanea con Argentina e Rialto nel 1953, Pane, Amore e Fantasia (Comencini, 1953),
nel 1954:
Café Chantant (Mastrocinque, 1953), Il più grande spettacolo del mondo (Mattoli, 1953) e Il Colonnello Hollister (Heisler, 1950 con Gary Cooper)
L’avventuriero della Luisiana (sic!) (Maté, 1953 con Tyrone Power) nel 1955, Tempo d’estate (Lean, 1955) e Caccia al ladro (Hitchcock, 1955 con Cary Grant e Grace Kelly) nel 1956, L’ultima carovana (Daves, 1956) nel 1957, I vampiri dello spazio (Guest,1957), La tortura della freccia (Fuller, 1957) nel 1958, A qualcuno piace caldo (Wilder, 1959 con Marilyn Monroe, Jack Lemmon, Tony Curtis) nel 1960, Sangue e Arena (Mamoulian, 1941, con Tyrone Power e Rita Hayworth) nel 1961, Ben Hur (Wyler, 1959 con Charlton Heston) in cartellone sia nel 1962 sia nel 1969, Il Gigante (Stevens, 1956 con James Dean) nel 1963, Cleopatra (Mankiewicz, 1963 con Elizabeth Taylor e Richard Burton) nel 1964, Sette uomini d’oro (Vicario, 1965), Ipcress (Furie, 1965 con Michael Caine) e My Fair Lady (Cukor, 1964, con Audrey Hepburn) nel 1966,
nel 1967:
L’arcidiavolo (Scola, 1966 con Vittorio Gassman), A noi piace Flint (Douglas, 1967) e La Bibbia (Huston, 1966)
I due pompieri (Corbucci, con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia) - in contemporanea con Diamante, Meravigli e X Cine - nel 1968, C’era una volta il West (Leone, 1968) nel 1969,
nel 1970:
I lunghi giorni delle aquile (Hamilton, 1969), Abbandonati nello spazio (Sturges, 1969), Quella notte inventarono lo spogliarello (Friedkin, 1968) e Vedo nudo (Risi, 1969) 
nel 1971:
L’uccello dalle piume di cristallo (Argento, 1970), Il dio serpente (Vivarelli)
Un turco napoletano (Mattoli, 1953) nel 1972,
nel 1973:
Una ragione per vivere e una per morire (Valerii, 1972), Uno sparo nel biuo (Edwards, 1965) e Il clan dei Marsigliesi (Giovanni, 1972)
Il poliziotto è marcio (Di Leo, 1974), Tutto a posto e niente in ordine (Wertmüller, 1974), La stangata (Roy Hill, 1973) nel 1974,
nel 1975:
Roma a mano armata (Lenzi, 1975), Bersaglio di notte (Penn, 1975), Shampoo (Ashby, 1975), Frankenstein junior (M. Brooks, 1974)
nel 1976:
Lo zingaro (Josè Giovanni, 1975 con Alain Delon), Attenti al buffone (Bevilacqua, 1975) e La dottoressa del distretto militare (Cicero, con Edwige Fenech), Cadaveri eccellenti (Rosi, 1976), Irma la dolce (Wilder, 1963)
Le mele marce (Collinson, 1974), Via col vento (Fleming, 1939) e Questo pazzo, pazzo, pazzo mondo (S.Kramer, 1963) nel 1978, Il detective con la faccia di Bogart (Day, 1980), Lo sconosciuto (Leroy, 1980 con Alain Delon), Il...belpaese (Salce, 1980), La collina degli stivali (Colizzi, 1969) nel 1980, Incontri ravvicinati del terzo tipo (Spielberg, 1977) e Quel pomeriggio d un giorno da cani (Lumet, 1975)  nel 1981, Ormai sono una donna (Blier, 1981) nel 1982.
Con l’avvento degli anni ottanta e il dilagare dell’offerta di film in televisione, la programmazione da seconda visione non è più remunerativa. A partire dal 1981 il cinema inizia a mettere in cartellone anche film pornografici; inizialmente in maniera sporadica, poi sempre più frequentemente: generalmente dal lunedì al venerdì film porno e nel fine settimana normale programmazione.
Nel 1983 il Magenta cambia gestione e diventa a tutti gli effetti una sala a luce rossa. Questa scelta allunga considerevolmente la vita del locale: nei primi anni il cinema ottiene anche buoni incassi; poi, il massiccio avvento dell’home-video anche in quest’area porta ad un progressivo calo degli introiti. Gli ultimi tempi sono di mera sopravvivenza.
Tra i titoli del periodo a luce rossa si possono citare: Super Hard Core nel 1981, Dora delirio carnale nel 1982,  Una vergine per l'impero romano (J. d’Amato, 1983) e Le seducenti nel 1984, Bambole di carne nel 1989, Bocche viziose nel 1989, Godurie carnali nel 1991, Donne e animali nel 1992, Analità di una campagnola nel 1996.
Nei primi anni novanta, la sala è di proprietà di due anziane sorelle: c’è un interessamento da parte di un appassionato cinefilo per rilevare il cinema e riconvertirlo in sala d’essai, che però non si concretizza. Il cinema Magenta chiude i battenti nel 2001.
Negli anni successivi, l’ex-cinema viene sostituito da un pub-ristorante, l'Open Gallery Cafè, che però chiude già nel 2005; nel 2009 la bella palazzina liberty che lo ospitava viene purtroppo abbattuta per lasciare posto ad un condominio.

 

Al momento non siamo ancora riusciti a trovare una foto d’epoca del cinema Magenta in attività.  Invitiamo tutti i visitatori del sito, amici, cinefili, storici, milanesi, navigatori, curiosi ad aiutarci nella ricerca.

 

Manifesti tipografici del cinema Massimo: (fonte: Cineteca Italiana –  www.lombardiabeniculturali.it)
1920
Aquile umane - gen                                                                          
immagine
Il precipizio- gen                                                                             
immagine
Le lacrime del popolo– mag                                                             
immagine
La casa dell’odio; Il sotterraneo fatale- giu                                     
immagine
I proscritti - ott                                                                                
immagine
1921
La bambola e il gigante - gen                                                          
immagine
La ladra di bambini - mar                                                                 
immagine
Gli apache di Londra - mar                                                             
immagine
Jack lupo... di mare – mag                                                              
immagine
Il veliero dell’odio – mag                                                                  
immagine
L’orfano della prateria – mag                                                        
immagine
Il re del circo- ago                                                                           
imm 1 imm 2
La cicala- ago                                                                                   
immagine
Un’avventura marocchina – dic                                                      
immagine
1922
Saetta e il club dei ciuffi - mar                                                         
immagine
Draga la principessa eroica - lug                                                     
immagine
Il mistero dell’asso di picche - ago                                                  
immagine
Giovanna d’Arco - dic.                                                                    
immagine
1923
Il selvaggio – mag                                                                           
immagine
Ridolini ai bagni – set                                                                      
immagine
1924
I due mozzi; La fiamma dell'amore– gen                                           
immagine
Ridolini alla segheria– gen                                                               
immagine
La portatrice di pane – mar                                                             
immagine
Il forzato dell’amore; Passione di popolo – giu                                
immagine
Il complotto di Genova – nov.                                                          
immagine
Saltarello sfortunato; Saltarello e la casa incantata - nov.              
immagine
Il giro del mondo in 18 giorni - nov                                                 
immagine
La nave dei miliardi - dic.                                                                 
immagine
Il barcaiuolo di Amalfi - dic.                                                             
immagine
Il corriere di Lione – dic                                                                  
immagine
Theonis, la donna dei faraoni– dic                                                 
immagine
1925
La battaglia                                                                                    
immagine
L’uomo senza nome - gen  .                                                           
immagine
L’isola del terrore - feb                                                              .   
immagine
Gli spettri della fattoria;Musotte - mar                                            
immagine
Lo sceriffo autoritario- mar                                                             immagine
Lo sceicco – mar                                                                               immagine
Pietro il grande – apr                                                                      
immagine
La guida battagliera - mag                                                              
immagine
La figlia dell’aria- mag                                                                   
immagine
1926
Satanella bionda - mar                                                                    
immagine
La prigioniera della jungla - dic                                                     
immagine
1931
Feudalismo–  set.                                                                             
immagine

Manifesti tipografici del cinema Magenta: (fonte: Cineteca Italiana –  www.lombardiabeniculturali.it)
1935
Piccola mia – apr.                                                                             
immagine
Rivalità eroica; Oceano – ago.                                                        
immagine
La signora di tutti; Il serpente a sonagli – dic.                                
immagine*
1936
Bombay Express – gen.                                                                    
immagine
Carovane – set                                                                               
immagine
Gondola delle chimere; Clò Clò - dic                                              
immagine
nel 1938
La sonagliera della morte; La canzone di Magnolia – lug                i
mmagine

L’ex cinema Magenta nell’ottobre 2008
La facciata                                                                                        foto 1 - foto 2
L’edificio verso piazza Buonarroti                                                      
foto
L’edificio verso piazza De Angeli                                                       
foto

Vista aerea dell’ex cinema nel 2008                                               foto

L’edificio abbattuto e gli scavi in corso nel novembre 2009
L’edificio “mancante”                                                                        foto 1 foto 2
Gli scavi nelle fondamenta e la parete che ospitava lo schermo sullo sfondo 
(per gentile concessione di Marco Ferrari)                                                     foto 1 foto 2

L’ex cinema Magenta nel periodo 2006-08:
L’ex Open Gallery Cafè alla fine del 2006 (foto di Stefano Gusmeroli
 da
www.milanofoto.it; su segnalazione di Willy Salveghi)                                   immagine
Il progetto di trasformazione dell'ex Open Gallery Cafè in condominio (feb. 2008)
(dal sito www.skyscrapercity.com su segnalazione di Willy Salveghi)                       immagine

Il nuovo edificio residenziale nel febbraio 2012
(per gentile concessione di Willy Salveghi)
L’edificio verso piazza Buonarroti                                                       foto
L’edificio verso piazza De Angeli                                                       
foto

Annunci pubblicitari su quotidiani - Magenta:
I figli dei moschettieri – tamb. 21 nov. 1952                                       immagine
Don Lorenzo
(in contemporanea con Argentina e Rialto) tamb. 6 mar. 1953       immagine
Il giuramento dei Sioux – tamb. 25 dic. 1953                                    
immagine
Tempo d’estate – tamb. 30 mar. 1956                                                
immagine
La tortura della freccia – tamb. 8 mar. 1958                                    
immagine
Sangue e Arena – tamb. 1 nov. 1961                                               
immagine
Ben Hur – tamb. 30 mar. 1962                                                           
immagine
I due pompieri – 22 nov. 1968                                                          
immagine
La fabbrica delle mogli – 1976                                                        
immagine
Roma a mano armata – tamb. 29 apr. 1976                                      
immagine

Annunci pubblicitari su quotidiani – Nuovo Magenta:
Il poliziotto è marcio – 18 apr. 1974                                                   immagine

Biglietti del cinema
                     1948 (per gentile concessione di Willy Salveghi                       foto 1 foto 2*
                       1948
(per gentile concessione di Marco Ferrari)                     foto 1 foto 2*

Mappa di Milano (zona nord-ovest)
Posizione del cinema                                                                          
immagine

Si ringrazia Willy Salveghi per il materiale e le notizie fornite

* l’asterisco segnala foto e materiale di particolare interesse

 

 

Si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito (spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte