cinema Manzoni - Monza

il cinema nella seconda metà degli anni cinquanta

Il cinema Manzoni - attualmente ubicato al numero civico n. 23 - viene costruito nel centro di Monza intorno alla metà degli anni cinquanta; il locale viene inaugurato nel settembre 1955 con la proiezione del musical Sette spose per sette fratelli (Donen, 1954).
Il progetto è opera dello studio monzese dell’ingegner Aldo Fumagalli coadiuvato dall’ingegner Bringhenti mentre la costruzione viene portata a termine dall’impresa  P. L. Casiraghi di Milano. La nuovissima sala è gestita dalle famiglie Cardin e Moro.
La sala, di ampie dimensioni (circa 850 posti), possiede tutti i requisiti di modernità della sua epoca: un vasto schermo, macchine che consentono la proiezione di pellicole in 70 mm, un palcoscenico teatrale che può essere attivato in caso di necessità per spettacoli di prosa o in occasione di qualche concerto. Vi troverà spazio – in modo saltuario – perfino l’opera lirica.
Per oltre tre decenni la sala risulta essere la più elegante e al tempo stesso la più popolare di Monza. In essa vengono ospitati film di buona qualità, spesso addirittura film d’autore mentre è sporadica la presenza di pellicole secondarie e di basso profilo.
Tra le molte pellicole di valore proiettate nella sala ricordiamo Moby Dick (Huston, 1956), Le notti di Cabiria (Fellini, 1957), Nata di marzo (Pietrangeli, 1958), Il ponte sul fiume Kwai (Lean, 1958), La gatta sul tetto che scotta (Brooks, 1958) nel 1959, Lo specchio della vita (Sirk, 1959), Il bell’Antonio (Bolognini, 1960), La ragazza con la valigia (Zurlini, 1960), Ester e il re (Walsh, 1960) nel 1961; Colpo grosso al casinò (Verneuil, 1963), La notte dell’iguana (Huston, 1964), I complessi (D’Amico, Risi, Rossi, 1965),
nel 1967
Il dottor Zivago (Lean, 1966), Il tigre (Risi, 1967) e La battaglia dei giganti (Annakin, 1965)
nel 1968
Gangster Story (Penn, 1968), Via dalla pazza folla (Schlesinger, 1967) e Quella sporca dozzina (Aldrich, 1967),
nel 1969
Bullitt (Yates, 1968), Bora bora (Liberatore, 1969), Dove vai tutta nuda? (Festa Campanile, 1969), I lunghi giorni delle aquile (Hamilton, 1969) e Dove osano le aquile (Hutton, 1968),
nel 1970
La straordinaria fuga dal campo 7a (Winner, 1969), Il compromesso (Kazan, 1969), Distruggete Frankenstein! (Fisher, 1969), La forza invisibile (Haskyn, 1967), Zabriskie Point (Antonioni, 1970), Un uomo da marciapiede (Schlesinger, 1969), La califfa (Bevilacqua, 1970), Patton generale d’acciaio (Schaffner, 1970), La morte bussa due volte (Reinl, 1968), La fredda alba del commissario Joss (Lautner, 1968), Colpo di grazia (E. Davis, 1968), La moglie più bella (Damiani, 1970), Subterfuge (P. Scott, 1968), Il divorzio (Guerrieri, 1970), Colpo grosso al casinò (Verneuil, 1963; ried.), I guerrieri (Hutton, 1970), I tulipani di Haarlem (Brusati, 1970), L’impossibilità di essere normale (Rush, 1970), Il presidente del Borgorosso Football Club (D’Amico, 1970)
nel 1971
Mash (Altman, 1970), Giù la testa (Leone, 1971), Al soldo di tutte le bandiere (Collinson, 1970),  L’uomo della porta accanto (Greene, 1970), Voyou la canaglia (Leolouch, 1970), La califfa (Bevilacqua, 1971), Anonimo veneziano (Salerno, 1970), L’ultimo omicidio (Nelson, 1965; ried.), Agente 007 Licenza di uccidere (Young, 1962; ried.), La coda dello scorpione (S. Martino, 1971), Io sono Valdez (Sherin, 1971), La 24 ore di le Mans (Katzin, 1971), Carter (Hodges, 1971), Lo strano vizio della signora Wardh (Martino, 1971)
nel 1972
La classe operaia va in paradiso (Petri, 1971), Corvo rosso non avrai il mio scalpo (Pollack, 1972), 1975: occhi bianchi sul pianeta terra (Sagal, 1971), Gli scassinatori (Verneuil, 1971), Incontro (Schivazappa, 1971), Terrore cieco (Fleischer, 1971), Agente 007: una cascata di diamanti (Hamilton, 1971), Donne in amore (Russell, 1969), Dio perdona... io no (Colizzi, 1967), Don Camillo e i giovani d’oggi (Camerini, 1972), XY& Zi (Hutton, 1971), Senza famiglia (Gassman, 1972), La polizia ringrazia (Steno, 1972), Un mucchio di bastardi (Starrett, 1970), A doppia faccia (Freda, 1969), Fango sudore e polvere da sparo (D. Richard, 1972), Il caso Carey (Edwards, 1972), Il dottor Zivago (Lean, 1965; ried.), Torino nera (Lizzani, 1972), Arma da taglio (Ritchie 1972), Corvo rosso non avrai il mio scalpo (Pollack, 1972), E poi lo chiamarono il Magnifico (Barboni, 1972), Il sindacalista (Salce, 1972)
nel 1973
Frenzy (Hichcock, 1972), La più bella serata della mia vita (Scola, 1972), Le monache di Sant’Arcangelo (Paolella, 1973), L’avventura del Poseidon (Neame, 1972), Ultimo tango a Parigi (Bertolucci, 1972),  La morte accarezza a mezzanotte (Ercoli, 1972), La battaglia dei giganti (Annakin, 1965), Il fascino discreto della borghesia (Bunuel, 1972), Signore e signori (Germi, 1966; ried.), La caduta degli dei (Visconti, 1969; ried.), Bisturi la mafia bianca (Zampa, 1973), Un dollaro d’onore (Hawks, 1958; ried.)
nel 1974
Il rompiballe (Molinaro, 1973), Peccato veniale (Samperi, 1974), Le farò da padre (Lattuada, 1974) e Papillon (Schaffner, 1973)
nel 1975
Lenny (Fosse, 1974), Il colpo della metropolitana (Sargent, 1975), A mezzanotte va la ronda del piacere (Fondato, 1975), Per favore non toccate le vecchiette (M. Brooks, 1967), Una romantica donna inglese (Losey, 1975), L’importante è amare (Zulawski, 1975), Rollerball (Jewison, 1975), Amici miei (Monicelli, 1975)
nel 1976
Marcia trionfale (Bellocchio, 1976), L’innocente (Visconti, 1976), Il comune senso del pudore (Sordi, 1976), L’anatra all’arancia (Salce, 1975), I quattro dell’Ave Maria (Colizzi, 1968; ried.) e L’eredità Ferramonti (Bolognini, 1976),
Un borghese piccolo picccolo (Monicelli, 1977)
nel 1978
Halloween (Carpenter, 1978), Giulia (Zinnemann, 1977), 2001: odissea nello spazio (Kubrick, 1968; ried.)
Alien (R. Scott, 1979), Inferno (Argento, 1980), Venerdì 13 (Cunningham, 1980), I predatori dell’arca perduta (Spielberg, 1981), Possession (Zulavski, 1982), Lola (Fassbinder, 1982), E. T. (Spielberg, 1982), Blade Runner (R.Scott, 1982), E la nave va (Fellini, 1983), C’era una volta in America (Leone, 1984), Prima di mezzanotte (Brest, 1988) e L’ultima tentazione di Cristo (Scorsese, 1987) nel 1988.
Poi i punti di forza divengono difetti. Nell’epoca delle multisale, il Manzoni diviene un gigante inutile e costoso.
Così nella seconda metà del 1989 la programmazione cinematografica termina e la sala viene trasformata in teatro e in sede di un’attività concertistica che diviene allora costante.
Dal luglio 2003 passa da proprietà privata a proprietà comunale.

 

Cinema Manzoni nella seconda metà degli anni cinquanta
Edificio in primo piano                                                                  foto*
Dettaglio della cartolina                                                             
foto*
Visione notturna                                                                        
foto
Immagine ripresa dall’incrocio con via Cavallotti                           
foto 1- foto 2*
Dettaglio della cartolina                                                               
foto

La sala nel 1955(per gentile concessione di Stefao Petrella)
La sala                                                                                      foto*
L’atrio e la sala d’attesa della galleria                                         
foto 1 - foto 2*

Panorama di Monza nel  1960
Il tetto del teatro in alto a sinistra; a destra il tetto del Ponti              foto 1 foto 2

Cinema Manzoni intorno al 1960
Immagine ripresa dall’incrocio con via Cavallotti                            foto*

Cinema Manzoni nella primavera 1961
In programmazione Ester e il re (Walsh, 1960)                               foto 1 - foto 2*

Cinema Manzoni intorno alla metà degli anni sessanta
Immagine ripresa dall’incrocio con via Cavallotti                            foto 1 - foto 2*

Arturi B. Michelangeli suona al teatro Manzoni nel 1965      foto

Festa della Befana 1968
Regali ai figli dei dipendenti comunali                                            foto

Cinema Manzoni intorno alla metà degli anni settanta
Immagine ripresa dall’incrocio con via Cavallotti                            foto*
Dettaglio della cartolina                                                               
foto

Panorama di Monza nel  1980
Un’altra immagine del tetto del Manzoni                                        foto1 - foto 2

Teatro Manzoni nell’autunno 2007
Edificio in primo piano                                                                  foto
Immagine ripresa dal lato opposto                                                 
foto
Ingresso                                                                                      
foto

Vista aerea del teatro nel 2010                                                 foto

Il Cittadino – settembre 1955
Articolo relativo all’inaugurazione del cinema Manzoni                   testo

Mappa di Monza (centro)
Posizione del cinema                                                                    
immagine

* l’asterisco segnala foto e materiale di particolare interesse

scheda creata nell’ott. 2007; ultimo aggiornamento set. 2013

 

 

Si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito
(spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte