cinema Principe - cinema La Fenice

il cinema Principe nel 1960

Intorno al 1925 in viale Ludovica (in seguito rinominato Bligny, parte del tracciato viario posto lungo le mura spagnole), non lontano da Porta Romana, sorge il cinema teatro Principe dove si alternano film, rivista e anche incontri di pugilato. La sala sospende le proiezioni nel 1943 e riprende l’attività cinematografica solo nel novembre 1954.
Tra le pellicole di rilievo poste in programmazione ricordiamo Abbandono (Mattoli, 1940) nel 1941, Il dottor Jekylll e mister Hyde (Fleming, 1941) nel 1958, Il figlio di Giuda (R. Brooks, 1960) nel 1962, La ciociara (De Sica, 1960) e Stasera ho vinto anch’io (Wise, 1949) nel 1963 e Per un pugno di dollari (Leone, 1964) nel 1966.
Come sede di incontri di boxe compare nel celebre Rocco e i suoi fratelli, film girato quasi interamente a Milano da Luchino Visconti nel 1960.
La sala chiude nella seconda metà del 1967.

Dopo lavori di radicale ristrutturazione il cinema Principe scompare e al suo posto, nel gennaio 1968, viene inaugurato il cinema La Fenice.
La sala si caratterizza come locale di seconda visione, dedito a recuperare titoli spesso di buon valore artistico: la programmazione si avvicina infatti a quella di un cinema d’essai. Nel 1969 sono in programmazione Viridiana (Bunuel, 1961), La via lattea (Bunuel, 1969), La dolce vita (Fellini, 1960), Boccaccio ’70 (Fellini, Visconti, De Sica, 1962) e 8 e mezzo (Fellini, 1963), mentre tra i titoli dei primi anni settanta si trovano Delitto per delitto (Hitchcock, 1952), Gli uccelli (Hitchcock, 1962), La collezionista (Rohmer, 1967), Cronache di poveri amanti (Lizzani, 1954), Divorzio all’italiana (Germi, 1961), Un uomo da marciapiede (Schlesinger, 1969), vecchi film con Totò (San Giovanni decollato, Palermi, 1941; L’imperatore di Capri, Comencini, 1949; 47 morto che parla, Bragaglia, 1950; Il medico dei pazzi, Mattoli, 1954; Totò, Peppino e la malafemmina, Mastrocinque, 1956; Un turco napoletano, Mattoli, 1962) e perfino pellicole dell’epoca del muto di Chaplin (Il pellegrino, 1923).
In seguito si segnalano I compari (Altman, 1971) e Il dottor Stranamore (Kubrick, 1963) nel 1977.
Dal 1983 il locale aderisce al circuito delle sale a luci rosse.
Il cinema La Fenice chiude nel 1996 e “si trasforma” in una banca.

 

Cinema Teatro Principe intorno al 1930                                             foto

Cinema Teatro Principe in Rocco e i suoi fratelli (1960)                      foto

Cinema La Fenice nel 1968                                                                foto

Medesimo spazio urbano nel febbraio 2008
L’edificio complessivo                                                               foto 1foto 2
Visione frontale                                                                                      
foto
L’edificio verso Porta Ticinese                                                               
foto
L’edificio verso Porta Romana                                                               
foto

Annunci pubblicitari su quotidiani
Otto e mezzo – nov. 1969                                                                        immagine
Una viziosa con tanta voglia in corpo (Gottlieb, 1974; film
tedesco – i nomi italiani sulla locandina sono di fantasia) – apr. 1976         
immagine

Mappa di Milano (corso Lodi)
Posizione del cinema                                                                              
immagine