cinema Rivoli

il cinema nel giugno 1973;
in programmazione c’è Agente
007 si vive solo due volte

Il centralissimo cinema Rivoli (circa 800 posti) è una sala sotterranea situata in via Cerva n. 35 (nelle immedate vicinanze di piazza San Babila e del Teatro Nuovo; l'indirizzo talvolta è indicato come via Cino Del Duca n.5) inizia l’attività nel 1950 come sala di prima visione. Dal 1952 però viene “declassato” tra i cinema di seconda visione dove permane fino al 1968 quando ritorna stabilmente nel circuito delle prime visioni milanesi.
Nei primi anni settanta la sala si caratterizza anche come cinema per giovanissimi attraverso una serie di riprese (con lunghe teniture) dei classici a disegni animati di casa Disney, da Dumbo a Peter Pan, accanto alla programmazione di numerose antologie con Paperino, Topolino e Bugs Bunny. Inoltre il Rivoli ha ospitato con una certa regolarità le pellicole di James Bond.
La gestione è curata dall'Aristea che, negli anni a seguire, si occuperà di molte altre sale milanesi: Corso (*), Ariston (*), Corallo (*), Plinius (*), Adriano, Splendor (*), Arcobaleno (*), Alpi (*), Zenit (*) e Mercury (*).
Tra le pellicole più significative, ospitate dal locale, ricordiamo Vita col padre (Curtiz, 1947) nel 1950, Il padre della sposa (Minnelli, 1950) e Papà diventa nonno (Minnelli, 1950) nel 1951, Teresa (Zinnemann, 1951), Mezzogiorno di fuoco (Zinnemann, 1952), Il piacere (Ophuls, 1951) e Pietà per i giusti (Wyler, 1951) nel 1952, Luci della ribalta (Chaplin,. 1952) e Addio Mr. Chips (Wood, 1939) nel 1953, Le vacanze del signor Hulot (Tati, 1953),
nel 1954:
Mare d’erba (Kazan, 1946), Giulio Cesare (Mankiewitz, 1953), La spiaggia (Lattuada, 1954),
nel 1955:
Le ragazze di San Frediano (Zurlini, 1955), Camilla (Emmer, 1954), Marty (D. Mann, 1954) e  Hobson... il tiranno (Lean, 1953)
Mare d’erba (Kazan, 1946) nel 1954, La spiaggia (Lattuada, 1954), Le ragazze di San Frediano (Zurlini, 1955), Camilla (Emmer, 1954), Marty (D. Mann, 1954) e  Hobson... il tiranno (Lean, 1953) nel 1955, Le amiche (Antonioni, 1955) e Ore disperate (Wyler, 1955) nel 1956, Un cappello pieno di pioggia (Zinnemann, 1957), Il marito (Puccini, 1958), Intrigo internazionale (Hitchcock, 1959), Il porto delle nebbie (Carné, 1938) nel 1959, Ombre rosse (Ford, 1939) e Il cenerentolo (Tashlin, 1960; con Jerry Lewis) nel 1961, Il federale (Salce, 1961), Quelle due (Wyler, 1962), West Side Story (Wyler, 1961) nel 1962, Il sorpasso (D. Risi, 1962) nel 1963, Il boom (De Sica, 1963),
nel 1964:
A 007 dalla Russia con amore (Young, 1963), Sciarada (Donen, 1963), Marnie (Hitchcock, 1964)
nel 1965:
Guntar il temerario (Gottlieb, 1965), Topkapi (Litvak, 1964), La decima vittima (Petri, 1965)
Un mondo nuovo (De Sica, 1966), Nevada Smith (Hathaway, 1966; con Steve Mc Queen), Fantasia (Disney, 1940) nel 1967,
nel 1969:
Il cervello (Oury, 1969), Un uomo da marciapiede (Schlesinger, 1969), Luna zero due (W. Baker, 1968)
nel 1970:
Paesaggio dopo la battaglia (Wajda, 1970), Il laureato (Nichols, 1967; ried.) e Io la conoscevo bene (Pietrangeli, 1965; ried.), Il sasso in bocca (G. Ferrara, 1970), Let It Be (Lindsay-Hogg, 1970), Il divorzio (Guerrieri, 1970)
nel 1971:
L’altra faccia dell’amore (Russell, 1970), Quell’estate del ’42 (Mulligan, 1971), Morte a Venezia (Visconti, 1971)
nel 1972:
Non tirate il diavolo per la coda (De Broca, 1969), Le Troiane (Cacoyannis, 1972), Biancaneve e i 7 nani (Hand, 1937; cartoni Disney)
nel 1973:
Agente 007 Si vive solo due volte (Gilbert, 1967), Oscar insanguinato (Hickox, 1973), Tre uomini in fuga (Oury, 1966)
Fantozzi (Salce, 1975), Amici miei (Monicelli, 1975; vi tiene cartellone per quattro mesi),
nel 1976:
Novecento parte II (Bertolucci, 1976), Il comune senso del pudore (Sordi, 1976), L’albero di Guernica (Arrabal, 1975)
nel 1977:
Un borghese piccolo, piccolo (Monicelli, 1977), L'innocente (Visconti, 1976), Gran bollito (Bolognini, 1977) e Cria cuervos (Saura, 1975)
Casotto (Citti, 1978), La mazzetta (Corbucci, 1978; con Nino Manfredi e Ugo Tognazzi), Selvaggina di passo (Fassbinder, 1973) nel 1980, 007 solo per i tuoi occhi (Glen, 1981), Poltergeist-Demoniache presenze (Hooper, 1982), Effi Briest (Fassbinder, 1974) e Francisca (Oliveira, 1981) nel 1982, James Bond - Octopussy (Glen, 1983) e Mai dire mai (Kershner, 1983; con Sean Connery nel ruolo di James Bond) nel febbraio 1984.
Il cinema Rivoli chiude nella prima metà del 1984.
Al suo posto compare un ristorante.

 

Cinema Rivoli nel 1962
L’ingresso visto da piazza San Babila                                                      foto 1 foto 2*

Cinema Rivoli nel 1973
In programmazione c’è una riedizione del quinto episodio di
James Bond, Agente 007 Si vive solo due volte (Gilbert, 1967)                
foto 1 - foto 2*

Espositore del cinema nel luglio 1976 (per gentile concessione di Marco Ferrari
In programmazione c’è Tamburi lontani (Walsh, 1951; con G. Cooper)     foto

Cinema Rivoli nel 1981
L’insegna. In programmazione c’è
 Fangio. Una vita a 300 all’ora (H. Hudson, 1980)                               
foto    

Medesimo spazio urbano nel febbraio 2008
La galleria che porta al ristorante da piazza San Babila                               foto 1foto 2
L’ingresso del ristorante                                                                           
foto 1foto 2
L’edificio verso corso Monforte                                                               
foto
L’edificio antistante il cinema, in piazza San Babila                                   
foto

Ricostruzione della piantina del cinema
(a cura di Marco Ferrari - apr. 2012)                                                       immagine*

Annunci pubblicitari su quotidiani
Giulio Cesare - 9 feb 1954 (per gentile concessione di Willy Salveghi)                         immagine
Sciarada - 16 apr. 1964                                                                          
immagine
Casanova 70 – 3 dic.1965                                                                      
immagine
Un uomo da marciapiede – 7 nov. 1969                                                 
immagine*
Luna zero due – 1969                                                                           
immagine
Quell’estate del ’42 – 15 ott.1971                                                           
immagine*
Non tirate il diavolo per la coda - 1972                                                
immagine
Dudù il maggiolino a tutto gas (Zehetgruber, 1973) - 7 apr 1974
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                            immagine
Amici miei - 25 ott 1975                                                                           
immagine*
L’albero di Guernica – 29 apr. 1976                                                      
immagine

Biglietto del cinema (1951; su gentile concessione di Willy Salveghi)                      immagine
                                 (1981;
per gentile concessione di Marco Ferrari)                      immagine

Mappa di Milano (zona est)
Posizione del cinema                                                                                
immagine

* l’asterisco segnala foto e materiale di particolare interesse

Si ringrazia per la collaborazione Willy Salveghi

 

 

si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito (spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte