cinema Trieste -  cinema Sempione

il cinema intorno al 1990

testo scritto in collaborazione con Marco Ferrari

In via Pacinotti al civico numero 6 all’interno di una graziosa palazzina liberty intorno al 1912 inizia l’attività il Cinema Teatro Trieste: si tratta di una sala costituita dalla sola platea - dalla capienza è di 350 posti - e tale rimarrà fino ai giorni nostri.
Il locale passa al sistema sonoro il 27 agosto 1932: il locale così rinnovato viene inaugurato con la proiezione del film L’allegro tenente (Lubitsch, 1931; vedasi manifesto).
Tra le pellicole più interessanti, ospitate al cinema Trieste, ricordiamo:
nel 1919
Il Presagio
(Genina, 1916) nel 1919, Sua maestà Douglas (tit. orig. His Majesty, the American; Henabery, 1919; con D. Fairbanks) e  La bimba della giungla (W. Edwards, 1916) sempre nel 1919
nel 1923
Il cavaliere mascherato
(serie; A. Kennedy, 1919)
nel 1924
Redentrice (t.o. A Virgin Paradise, S. Dawley 21)
nel 1928
La vergine dell’harem (t.o. The Lady of the Harem, R. Walsh 1926)
nel 1932
Il cavaliere nero
(t.o. Silver Comes Through, Ingraham, 1927), Il cacciatore di fortuna (t.o.The Fortune Hunter, C.Reisner, 1927), Delitto al Luna Park (C. David, 1928), Marocco (t.o. idem, Sternberg, 1930) e La femmina del circo (t.o. La belle garce, De Gastyne, 1930, con Gina Manes), Il piccolo caffè (t.o. Le petit cafè, L. Berger, 1930)
nel 1933
Il richiamo del West
(t.o.West of the Rockies; B. Ray, 1931), Cinque a zero (M. Bonnard, 1932)
nel 1936:
Il re burlone (E. Guazzoni, 1935)

Agli inizi degli anni quaranta la sala cambia nome in Sempione
. Il locale inizia a comparire regolarmente sul Corriere della Sera dal 1944.
Tra i film più significativi proiettati al Sempione ricordiamo
nel 1944:
Maria Malibran (Brignone, 1943), Il treno crociato (Campogalliani, 1943) e Harlem (Gallone, 1943)
L’amore bussa tre volte (McLeod, 1938) nel 1945, La vita ricomincia
(Mattoli, 1945) nel 1946, Il lupo dei mari (Curtiz, 1941) nel 1947, Il ritratto di Dorian Gray (Lewin, 1945) nel 1948, Ombre rosse (Ford, 1939) nel 1950, Domenica d’agosto (Emmer, 1950) nel 1951, Processo alla città (Zampa, 1952) nel 1952, Cantando sotto la pioggia (Donen, 1952) nel 1953, Teodora (Freda, 1954) nel 1954, Senso (Visconti, 1954) e I sette samurai (Kurosawa, 1954) nel 1955, Gli allegri vagabondi (Horne, 1937; con Stanlio e Ollio) nel 1956, Amore e chiacchiere (Blasetti, 1957) e Le notti bianche (Visconti, 1957) nel 1958, Mogli pericolose (Comencini, 1958) nel 1959, Maigret e il caso S. Fiacre (Delannoy, 1959) nel 1960, Odissea nuda (Rossi, 1961) nel 1961, La viaccia (Bolognini, 1961) e L’assassino (Petri, 1961) nel 1962, Le ore dell’amore (Salce, 1963) nel 1963, Va e uccidi (Frankenheimer, 1962) nel 1964, Il magnifico cornuto (Pietrangeli, 1964) nel 1965, Il circo e la sua grande avventura (H.Hathaway, 1964) e I quattro inesorabili (P.Zeglio, 1965) nel 1966, Rififi (Dassin, 1955) nel 1967, Il giorno della civetta (Damiani, 1968) e La caduta delle aquile (Guillermin, 1966) nel 1969,
nel 1970:
La piscina (Deray, 1969), Z – L’orgia del potere (Costa Gavras, 1969), Butch Cassidy (R. Hill, 1969), Ultimo domicilio conosciuto (Giovanni, 1969), Teorema (Pasolini, 1968), Il prezzo del potere (T.Valerii, 1969), La mia droga si chiama Julie (F.Truffaut, 1969)
nel 1971:
Colpo rovente (Zuffi, 1970), Poor Cow (Loach, 1968), L’uomo dalle due ombre (Young, 1971), Le belve (G. Grimaldi, 1971)
nel 1972:
Permette? Rocco Papaleo (Scola, 1971), Mio zio Beniamino (Molinaro, 1970), Tempi moderni (Chaplin, 1936)
nel 1973:
Biancaneve e i sette nani (Disney, 1937), Prendi i soldi e scappa (Allen, 1969), Cabaret (B.Fosse, 1972), C’era una volta il West (Leone, 1968), Giù la testa (Leone, 1971), Alfredo, Alfredo (Germi, 1972), La classe operaia va in paradiso (Petri, 1971), Torino nera (Lizzani, 1972), Il boss (Di Leo, 1973)
Che? (Polanski, 1972) nel 1974,
nel 1975:
Il piccolo grande uomo (Penn, 1970), Il caso Drabble (Siegel, 1974), Gli occhi freddi della pauta (Castellari, 1971)
nel 1976:
Colpo di grazia (E. Davis, 1969), La cagna (Ferreri, 1972), Pasqualino Settebellezze (Wertmuller, 1975)
nel 1977:
Quelli della calibro 38 (Dallamano, 1976), L’evaso (Granier Deferre, 1971) e Missouri (Penn, 1976)
Nel seconda metà del 1977 il cinema Sempione entra a far parte del circuito FICE (Federazione Italiana Cinema d’essai), sebbene la programmazione del locale non avesse mostrato, fino a quel momento, il minimo interesse per il film d’arte. Alla fine degli anni Settanta la sala ospita la “Rassegna dei Film Segnalati dai Critici” e per 16 anni tra i settanta e gli ottanta ospita il ciclo “Invito al film”, organizzato dalla sezione spettacolo del Circolo Culturale Carlo Perini. In aggiunta a ciò, a partire dalla seconda metà degli anni Ottanta il Sempione aderisce ad iniziative cinematografiche milanesi quali la Panoramica di Venezia
, rassegna settembrina nella quale vengono proiettati in versione originale con sottotitoli i film appena presentati al Festival di Venezia.
Il cinema è piccolo: superate le porte di ingresso, si percorre un breve e dritto corridoio che porta alla cassa; l’ingresso in sala è sulla sinistra e vi si accede dietro una porta di legno.
Il locale è piuttosto trascurato, le poltrone sono vecchie, di legno, con una lieve imbottitura di color verde chiaro, lo schermo è abbastanza piccolo e il sonoro antiquato. Tuttavia la programmazione è sempre molto interessante.
Tra le numerose pellicole di valore programmate al Sempione nel periodo d’essai ricordiamo Trash
(Morrissey, 1970) nel 1977, L’amico americano (Wenders, 1977) e Quell’oscuro oggetto del desiderio (L.Buñuel, 1977) nel 1978,
nel 1979:
Duel (Spielberg, 1973), Picnic a Hanging Rock (Weir, 1975), Il fantasma della libertà (Bunuel, 1974), Easy Rider (Hopper, 1969) e Interiors (Allen, 1978)
Salò o le 120 giornate di Sodoma (Pasolini, 1975) e Il cavaliere elettrico (S.Pollack, 1979) nel 1980, The elephant man, (D.Lynch, 1980) e Lenny (Fosse, 1974) nel 1981,
Taxi Driver (Scorsese, 1976) nel 1982, Il laureato (Nichols, 1967) nel 1983, Il libro della giungla (W. Reitherman, 1967) nel 1984, La cosa (Carpenter, 1982) nel 1985, Pink Floyd The Wall (Parker, 1982) nel 1987, L’arpa birmana (Ichikawa, 1959) e Il cielo sopra Berlino (Wenders, 1987) nel 1988, Anni ’40 (J.Boorman, 1987), Rashômon (A.Kurosawa, 1950) e Shining (Kubrick 1980) nel 1989, Ricordi della casa gialla (Monteiro, 1989) nel set 1989 nell’ambito della rassegna “Panoramica di Venezia”, Betty Blue (Beineix, 1986) nel 1990 e nel 1991, The Commitments (Parker, 1991) nel 1992, Schindler’s List (Spielberg, 1993) nel 1995, Clockers (S. Lee, 1995) e Il fuggitivo (A.Davis, 1993) nel 1996, Swara Mandel (R. Khosa) nel set 1997 nell’ambito della rassegna “Panoramica di Venezia”.
Domenica 25 giugno 1995, alle ore 23 un rapinatore, pistola in pugno, obbliga il proprietario a consegnare l’incasso (mezzo milione di lire).
Nel marzo 1999 la sala chiude per un paio di mesi per poi riaprire completamente trasformato nella programmazione: il Sempione passa direttamente dai film d’essai a quelli a luci rosse. Non sono stati fatti lavori se non il sostituire l’insegna sull’ingresso che da “Sempione d’Essai” è diventata “Cinema Sempione Hard Movie”.
Saltuariamente alla proiezione cinematografica si affianca uno spettacolo live di carattere erotico: tra le ospiti anche alcune pornostar.
Nel 2007 la sala chiude nuovamente; i lavori in corso durante l’estate fanno pensare alla fine dell’attività come sala cinematografica; invece a sorpresa il Sempione riapre nel 2008. Le insegne e l’atrio d’ingresso sono stati rinnovati; la programmazione è però sempre a luci rosse. Probabilmente si tratta di un’altra gestione: forse la stessa che segue anche Ambra e Garden, in quanto il layout esterno, caratterizzato da un atrio fortemente illuminato, in controtendenza con i tipici atri bui delle sale hard core, è identico in tutte le tre sale.

 

Manifesti tipografici del cinema Trieste: (fonte: Cineteca Italiana –  www.lombardiabeniculturali.it)
1919
Il Presagio - nov.                                                                                   
immagine
Sua maestà Fairbanks – nov                                                                   immagine
1923
Il cavaliere mascherato – set.                                                                  immagine
1924
Redentrice - gen                                                                                     
immagine
1928
La vergine dell’harem - nov                                                                     
immagine
1932
Un delitto al Luna Park; Il cacciatore di fortuna – giu                           
immagine
Il cavaliere nero – ago                                                                             immagine
L’allegro tenente (inaugurazione sistema sonoro)– ago                             immagine
La femmina del circo – set                                                                       immagine
Il piccolo caffè – ott                                                                                immagine
Marocco – dic.                                                                                     immagine
1933
Cinque a zero – apr.                                                                             
immagine
Il richiamo del West – apr                                                                       immagine
1936ca
Re burlone -senza data                                                                            
immagine

Il cinema Sempione nel 1990 (per gentile concessione di Willy Salveghi)      
L’edificio e l’ingresso                                                                               
foto 1 - foto 2*
La cassa e la sala                                                                                      
foto 1 - foto 2*

Il cinema Sempione nell’agosto 2007 (per gentile concessione di Willy Salveghi)    
L’ingresso                                                                                                 foto
La via Pacinotti (verso c. Sempione) con l’insegna blu a bandiera
del cinema                                                                                                
foto 1foto 2

Il cinema Sempione nell’aprile 2008
La facciata                                                                                                foto 1 foto 2
L’edificio verso via Michelino da Besozzo                                                 
foto
L’edificio verso via Gassendi                                                                     
foto

Il cinema Sempione nell’agosto 2009
Ingresso (per gentile concessione di Marco Ferrari)                                                 foto

Vista aerea del cinema nel 2010                                                           foto

Rassegna sul cinema di qualità – gen - feb- 1995
(per gentile concessione di Willy Salveghi)                                                                                  immagine

Annunci pubblicitari su quotidiani e su internet  
Monella di provincia (Morelli) - 1999
(per gentile concessione di Stefano Petrella) immagine
Nirvanal (Bandinelli) – nov. 2005 (per gentile concessione di Willy Salveghi)         immagine
Annuncio su Internet – 2006-09
(per gentile concessione di Willy Salveghi)             immagine

Biglietti del cinema Sempione (per gentile concessione di Willy Salveghi)  
         2011-12                                                                                       
immagine

Rapina al cinema Sempione(per gentile concessione di Willy Salveghi)  
Articolo Corriere della Sera, 27 giu. 1995                                                    
immagine

Mappa di Milano (v. Cenisio)
Posizione del cinema                                                                                  
immagine

* l’asterisco segnala foto o materiale di particolare interesse

scheda creata nel mag. 2010; ultimo aggiornamento: feb 2014

 

 

Si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito
(spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte