cinema Zenit

il cinema nel 1970

In piazza Piemonte, in fondo a corso Vercelli, accanto al cinema-teatro Nazionale si trova il cinema Zenit, locale inaugurato nel 1950 che si caratterizza come ampia sala periferica (quasi 2000 posti) di seconda visione, attenta al cinema di qualità. Nel 1973 la sala viene promossa tra i “proseguimenti prime”.
La gestione è controllata inizialmente da Tito Lucca - Diana, Colosseo, Eliseo - poi dall'Aristea. Spesso, la mattina, vengono organizzate proiezioni per le scuole elementari, soprattutto quella della vicina piazza Sicilia.
Tra le pellicole più interessanti, ospitate dallo Zenit, citiamo
nel 1950
Il cielo può attendere (Lubitsch, 1943), La grande minaccia (Douglas, 1948), Ho sognato il paradiso (Pastina, 1950), La strega rossa (Ludwig, 1948), Sabotatori (Hitchcock, 1942),, Sahara (Korda, 1943)
nel 1951
Il cammino della speranza (Germi, 1950), La via della morte (Mann, 1949), Giungla d'asfalto (Huston, 1950), Bellezze in bicicletta (Campogalliani, 1951), L’eterna illusione (Capra, 1938), Il ragazzo dai capelli verdi (Losey, 1948), Vita da cani (Monicelli, Steno, 1950)
nel 1952
Totò terzo uomo (Mattoli, 1951), Teresa (Zinnemann, 1951), La rosa del sud (Vidor, 1935), Fuga d'amore (Koster, 1951), L'avamposto degli uomini perduti (Douglas, 1951; con Gregory Peck)
Il bruto e la bella (Minnelli, 1952) nel 1953, Sabrina (Wilder, 1954) e Da qui all’eternità (Zinnemann, 1953) nel 1955, Il tetto (De Sica, 1956), Nodo alla gola (Hitchcock, 1948) nel 1957,
nel 1958:
Billy the Kid (Penn, 1958), La parola ai giurati (Lumet, 1957), Nata di marzo (Pietrangeli, 1958),
Operazione Cicero (Mankiewicz, 1952) nel 1959, La grande guerra (Monicelli, 1959)
nel 1961:
Monica e il desiderio (Bergman, 1952), Lettere di una novizia (Lattuada, 1960) e La vendetta del gangster (Fuller 1960) nel 1961,
Una vita difficile (Risi, 1961) nel 1962, Il processo (Welles, 1962) nel 1963, A 007 dalla Russia con amore (Young, 1963) e Sciarada (Donen, 1963) nel 1964, Marnie (Hitchcock, 1964), La battaglia di Rio della Plata (Powell e Pressburger, 1956) e Angelica (Borderie, 1964) nel 1965, L’uomo dal braccio d’oro (Preminger, 1956) nel 1967, Il grande caldo (Lang, 1953) e Bandolero (McLaglen, 1968) nel 1968, Rosemary’s Baby (Polanski, 1968) e Vedo nudo (D.Risi, 1969; il film resta in programmazione oltre 7 mesi) nel 1969,
nel 1970:
Città violenta (Sollima, 1970), L’arcidiavolo (Scola, 1966), Paranoia (Lenzi, 1970), La moglie più bella (Damiani, 1970), Furia selvaggia (Penn 1958), La confessione (Costa Gavras, 1969), Il laureato (Nichols, 1967), La ballata di Cable Hogue (Peckinpah, 1970), I giorni dell’ira (T. Valerii, 1967)
nel 1971:
La ragazza del bagno pubblico (Skolimovski, 1970), Quattro tocchi di campana (L. Johnson, 1971) e Sacco e Vanzetti (Montaldo, 1970)
nel 1972:
Taking Off (Forman, 1971), Fango sudore e polvere da sparo (D. Richards, 1972), Lo chiameremo Andrea (De Sica, 1972), Giù la testa (Leone, 1971) e Il caso Mattei (Rosi, 1972)
nel 1973:
La femme en bleu (Deville, 1972), Alfredo, Alfredo (Germi, 1972), Un tram che si chiama desiderio (Kazan, 1950; ried.), Agente 007 si vive solo due volte (Gilbert, 1967), Lo spione (Melville, 1962) e Che cosa è successo tra mia padre e tuo madre? (Wilder, 1972) 
Stavisky, il grande truffatore (Resnais, 1973) e Papillon (Schaffner, 1973) nel 1974,
nel 1975:
Per favore non toccate le vecchiette (M. Brooks, 1968), Finché c’è guerra c’è speranza (Sordi, 1974), La poliziotta (Steno, 1974) e L’importante è amare (Zulavski, 1974),
nel 1976
Il Gattopardo
(Visconti, 1963), L’innocente (Visconti, 1976), Soldato blu (Nelson, 1970), Bruciati da cocente passione (Capitani, 1976), Amici miei (Monicelli, 1975) nel 1976 e nel 1980, Marcia trionfale (Bellocchio, 1976), Due cuori e una cappella (Lucidi, 1975), Caro Michele (Monicelli, 1976), Bluff - Storia di truffe e di imbroglioni (Corbucci, 1976), Il secondo tragico Fantozzi (Salce, 1976)
nel 1977
Oh Serafina (Lattuada, 1976), Il deserto dei Tartari (Zurlini, 1976), Quelle strane occasioni (Comencini e altri, 1976), Gli ultimi fuochi (Kazan, 1976), La stanza del vescovo (Risi, 1977),
nel 1978
Ritratto di borghesia in nero (Cervi, 1978), La maledizione di Damien (Taylor, 1978), La montagna del dio cannibale (Martino, 1978), Agente 007 - Vivi e lascia morire (Hamilton, 1973), L’innocente (Visconti, 1976), La stanza del vescovo (D. Risi, 1977), Il gatto (Comencini, 1977), Hi, Mom! (De Palma, 1969),
nel 1979
F.I.S.T. (Jewison, 1978), Viaggio con Anita (Monicelli, 1978), Dramma della gelosia. Tutti i particolari in cronaca (Scola, 1970) e Dio perdona...io no! (Colizzi, 1967)
nel 1980
Cafè express (Loy, 1980), Gente comune (Redford, 1980), Un uomo da marciapiede (Schlesinger, 1969)
nel 1981
Un uomo chiamato cavallo (Silverstein, 1969), Quando chiama uno sconosciuto (Walton, 1979) e Mia moglie è una strega (Castellano e Pipolo, 1980), La cruna dell’ago (Marquand, 1981)
nel 1982
Chi è Harry Kellerman e perché parla male di me? (Grosbard, 1971), Culo e camicia (Festa Campanile, 1981), Il tempo delle mele (Pinoteau, 1980), Buddy Buddy (Wilder, 1981), Firefox - Volpe di fuoco (Eastwood, 1982)
Dark crystal (Henson e Oz, 1982) nel 1983
La programmazione dello Zenit appare attenta costantemente attenta al cinema di qualità; negli anni settanta la sala ospita anche numerosi film d’autore (Bellocchio, Kazan, Rosi, Resnais, Zurlini).
Tra la fine degli anni settanta e i primi anni ottanta le sale che gravitano intorno a piazza Piemonte subiscono drastiche trasformazioni, causate dalla spietata concorrenza televisiva. Il Nazionale(*) torna ad essere un teatro nel 1979 mentre il Magenta(*) passa alla “luce rossa” nel 1983.
Lo Zenit chiude nella prima metà del 1983.
La sala viene trasformata in studio televisivo della società Telepro del gruppo San Paolo Editore. Gli studi, oltre ad ospitare le trasmissioni dell’emittente di proprietà Telenova, vengono affittati per produzioni esterne come il famoso “Bis” di Mike Bongiorno in onda su Canale 5.
In seguito al trasferimento di Telenova, nel febbraio 2002 l’ex cinema Zenit, opportunamente ristrutturato, si trasforma in un’elegante sede della libreria Feltrinelli.

 

Il cinema Zenit negli anni sessanta
(dal sito www.skyscrapercity.com su gentile segnalazione di Marco Ferrari).          foto 1 - foto 2*

Il cinema Zenit nell’aprile 1970
L’edificio complessivo e la pensilina                                              foto*
L’ingresso; in programmazione c’è il western americano
Un uomo chiamato cavallo (Silverstein, 1969)                             
foto 1foto 2*

Lo Zenit nel 1977 (foto Jhm0284, da www.flicr.com; su gentile segnalazione di Enzo Porcu)
In programmazione Il gatto a nove code (Argento, 1971)                foto 1 - foto 2*

Medesimo spazio urbano nel febbraio 2008
L’ingresso                                                                                   foto 1foto 2foto 3
La libreria verso piazzale Baracca                                              
foto 1foto 2

Vista aerea del teatro e dell’ex cinema Zenith intorno al 2000         foto

Vista aerea dell’ex cinema nel 2010                                         foto

Annunci pubblicitari su quotidiani
Monica e il desiderio – nov. 1961                                               immagine
Il processo – 29 nov. 1963                                                         
immagine
Angelica - mar. 1965                                                                 
immagine
L’uomo dal braccio d’oro - giu 1967                                        
immagine
Bandolero – nov. 1968                                                             
immagine
I giorni dell’ira – 1970                                                            
immagine
L’innocente  - ott 1976                                                              
immagine

Biglietti del cinema
               (anni sessanta;
per gentile concessione di Antonio Privitera)    immagine
               (1979; per gentile concessione di Marco Ferrari)                             immagine

Mappa di Milano (zona nord-ovest)  
Posizione del cinema                                                                  
immagine

si ringrazia Andrea Ferrario e Willy Salveghi per le informazioni fornite

* l’asterisco segnala foto e materiale di particolare interesse

scheda creata nell’ott.2008; ultimo aggiornamento ott. 2014

 

 

si invitano i numerosi giornalisti e lettori che utilizzano i testi del sito (spesso con semplici copia/incolla) a citare la fonte